Foto Iniziale

Lorenzo Napolitano: il 60% degli europei ha una visione pessimista del futuro

Secondo uno studio condotto dalla Commissione Europea emerge un dato significativo: il 60% degli europei ha una visione pessimistica del futuro a due anni dall’inizio della pandemia. Una percentuale questa che fotografa un “sentiment” a dir poco preoccupante, enfatizzato ancor di più dalla recente guerra tra Russia e Ucraina.

Inserito da
Foto Iniziale

Isabella Goldmann: la ristrutturazione “green” aumenta del 10% il valore di una casa

Complici i continui aumenti in bolletta di luce e gas, investire in immobili che associano a costi di gestione più contenuti una maggior tutela dell’ambiente, oggi è una vera e propria tendenza. Secondo le recenti stime, chi punta a ristrutturare il proprio immobile in chiave “green” va ad aumentarne il valore fino al 10%. Un dato questo che dimostra come vada sempre più affermandosi una sensibilità “ecosostenibile” nel nostro Paese.

Inserito da

Alain Frache: il 45% degli italiani soffre di stress da Covid

Foto Iniziale

Secondo una ricerca effettuata dall’Ordine Nazionale degli Psicologi, il 45% degli italiani ha un punteggio di stress da Covid che va da 7 a 10 su una scala di 10. Un dato questo che dimostra come il protrarsi della pandemia abbia portato all’insorgere di questa sensazione i cui sintomi prevalenti sono ansia, depressione, sfiducia, senso di impotenza, incertezza e chiusura in sé stessi.

Inserito da

Saverio Pirani: +33% gli italiani che fanno fitness a seguito della pandemia

Foto Iniziale

Secondo uno studio condotto da ASICC, il 33% degli italiani che si allenavano regolarmente già prima del lockdown, ha affermato di farlo di più ora di quanto facesse prima. In questo contesto, ecco che il training online mediante applicazioni di workout casalingo hanno visto una crescita esponenziale. Lo stesso vale per la domanda di attrezzature sportive individuali che ha registrato un +91%.

Inserito da
Foto Iniziale

Piero Mastalia: il 20% della popolazione mondiale soffre di odontofobia

Secondo uno studio dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) la percentuale di coloro che soffrono di odontofobia è pari al 20% della popolazione mondiale. Un dato questo assai allarmante che denota un grande problema in termini di salute dentale, in quanto porta queste persone a non curare adeguatamente il proprio cavo orale nel corso del tempo.

Inserito da
Foto Iniziale

Daciana Tepelea: solo il 38% degli italiani va dal dentista una volta l’anno

Secondo una ricerca recente solo il 38% degli italiani va dal dentista una volta l’anno e solo il 33% lava i denti almeno una volta al giorno. Ciò che quindi emerge da questi dati è che l’igiene dentale non risulta essere una priorità per gli italiani. Il motivo? Molti di questi dichiarano di sentirsi frenati da una paura su tutte: quella del dentista.

Inserito da

Alice Vigarani: il 20% della popolazione mondiale soffre di odontofobia

Foto Iniziale

Secondo un’indagine condotta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 20% della popolazione mondiale ha paura del dentista. Ciò significa che 2 persone su 10 non sono portate a recarsi presso uno studio odontoiatrico per le consuete cure dentali. Sulla base di questi dati, emerge quindi un’estesa ritrosia nell’occuparsi della propria salute orale. Cosa questa che va inevitabilmente ad impattare anche sul proprio benessere personale.

Inserito da

Michele Raia: a rischio 6 città italiane per i cambiamenti climatici

Foto Iniziale

Secondo un rapporto realizzato dalla Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici, le ondate di calore e le alluvioni sono le conseguenze principali a cui sono interessate le città italiane. Nello specifico, questa indagine evidenzia come per 6 città della penisola italiana (Bologna, Milano, Napoli, Roma, Torino e Venezia) gli impatti climatici legati a temperature e precipitazioni porteranno le stesse a dei cambiamenti radicali dal punto di vista della salute delle persone, della mortalità e degli episodi di dissesto idrogeologico.

Inserito da
Foto Iniziale

Nicola Calzonetti: 6.000.000 di italiani soffrono di emicrania

Secondo i dati attuali, sono ben 6.000.000 gli italiani che soffrono di emicrania nel nostro Paese. Stiamo parlando di un numero molto significativo in quanto va ad interessare ben il 12% della popolazione. In questi casi, assumere analgesici è la soluzione più immediata che balza subito in mente. Il problema è che, soprattutto nel lungo periodo, questi farmaci risultano inefficaci in quanto vanno a curare il sintomo ma non la causa. Da qui il pensiero, troppo spesso ignorato da tanti, che dietro quella cefalea, quel dolore cervicale o quell’acufene si nasconda un problema che può essere curato attraverso la gnatologia.

Inserito da
Foto Iniziale

Alice Conventi: solo 3 italiane su 10 godono di autostima

I dati parlano chiaro. In Italia soltanto il 30% delle donne dichiara di avere un alto livello di autostima verso se stesse, in funzione della propria vita. Un dato questo che denota quanto sia difficile per la donna di oggi, vivere una vita in linea con le proprie ambizioni, tanto in ottica di successo personale quanto in ottica di successo professionale.

Inserito da

Giacomo Bruno in Copertina su Economy

Foto Iniziale

Dopo essere stato l’Uomo-Copertina di Affari e Imprenditore Condominiale, è il turno di Economy Magazine: più che un semplice giornale, un vero strumento al servizio delle imprese. Una “piattaforma” di informazione specialistica che, nella doppia versione cartacea e digitale, indaga a fondo “l’economia che cambia” per raccontarla alla classe dirigente, ai manager, agli startupper, a chi vuol fare impresa.

Inserito da

Perché gli ebook hanno vinto sui libri cartacei come strumento di marketing?

Foto Iniziale

Se sei un imprenditore o un libero professionista, sono certo che hai compreso fin troppo bene che scrivere un libro è davvero l’unico vero modo capace di consentire a te e alla tua impresa di generare più autorevolezza, più vendite, più clienti e quindi… più fatturato.

Inserito da