Categoria Archivi: Psicologia

Come fare per attirare gli eventi desiderati

Superare le Delusioni SentimentaliUn amica mi ha raccontato: sai cosa mi e’ successo? Per una settimana intera ho avuto un incubo ricorrente: il mio compagno mi lasciava e io rimanevo sola nella nostra casa………piangevo disperata e mi sentivo incapace di fronteggiare la situazione….. Ogni mattina mi risvegliavo da questo incubo spaventata, mi pareva di essere sola veramente, trascorrevo tutta la giornata immaginando questa spiacevole situazione .
Ma la cosa più brutta sai quale Ë stata? Che alla fine e’ successo veramente… lui mi ha lasciata! Sono sconvolta! Me lo sentivo!!!
E adesso, oltre a soffrire per l’ episodio, ho paura ad addormentarmi perché temo che, se sopraggiungeranno altri incubi, possano diventare realtà!

Inserito da

Come essere pienamente soddisfatti al lavoro

Scopri i Tuoi Valori
Molto spesso, pensando al lavoro dei tuoi sogni, ti sei mai immaginato al volante di una macchina di lusso, in una villa con giardino e piscina, libero di permetterti tutto quello che desideri? Personalmente mi è capitato, perché spesso associamo il successo e la soddisfazione nel lavoro alla gratificazione economica. In realtà molte volte desideriamo cambiare lavoro perché non ci piace più l’ambiente nel quale lavoriamo, perché non la nostra attività non ci dà soddisfazione, o perché notiamo principalmente 2 cose: un’incongruenza tra i nostri valori e quelli dell’azienda, e/o una messa in discussione dei valori aziendali, spesso ad opera dei nostri superiori.

Nel primo caso ad esempio l’azienda può richiedere ai propri dipendenti dedizione assoluta, e questo ci fa stare male se uno dei nostri valori fondamentali è la famiglia, e desideriamo passare del tempo con i nostri cari. Per quanto riguarda il secondo caso, ad esempio, un valore aziendale (messo in mostra sul sito web, incorniciato sulle pareti degli uffici…) può essere quello della trasparenza, e quando notiamo che nei rapporti quotidiani e nelle politiche aziendali questo valore viene meno, allora iniziamo a provare disaffezione per l’azienda.
La coerenza tra valori e comportamenti è un punto fondamentale sul quale si basa la nostra fedeltà all’azienda e la motivazione nel portare avanti il nostro lavoro sempre col massimo impegno. Allora cosa fare per essere sempre pienamente soddisfatti al lavoro? Ti suggerisco di ripetere periodicamente questi passaggi:

Inserito da

Come cambiare il mondo (una persona alla volta)

PNL Generativa“Ho ventidue anni, ho raggiunto un buon titolo di studio, possiedo una lussuosa automobile, sicurezza finanziaria, la disponibilità della potenza sessuale e di buon prestigio, maggiore di quanto mi occorra. Adesso devo solo spiegarmi che cosa significhi tutto questo”. Questa è una lettera che uno studente degli Stati Uniti inviò a Viktor Frankl, grandissimo psicologo, ispiratore del lavoro di Stephen Covey. Io ho ventiquattro anni, non ventidue come quel ragazzo, ma capisco molto bene ciò che intendeva in quella lettera. È sotto gli occhi di tutti che il mondo che conosciamo si trova in una fase critica. Ma più d’ogni altra cosa la mia generazione sta soffrendo. E non sa neanche di cosa, precisamente. Io penso che soffra non tanto di un “vuoto di significato”, come disse Frankl, ma di un “vuoto dell’essere”, come disse uno psichiatra esistenzialista, Ronald Laing. Quello che manca è l’esperienza di se stessi. La società, l’educazione e la cultura sono progettate per togliercela.

Inserito da
Foto Iniziale

Come ristrutturare la parola “fallimento”

La paura di fallire è una delle paure croniche dei nostri giorni. Se parli con le persone, tutte quelle che incontri, o quasi, hanno paura del fallimento. Dietro questa parola, “fallire”, si celano emozioni molto negative, che impediscono alla maggior parte delle persone di provare a fare qualcosa, ancor prima di farla.

Inserito da

Come realizzare i nostri obiettivi rispettando i tempi stabiliti

La Mente Inconscia - https://www.autostima.net/media/authors/sulprizio.jpgDurante gli anni dell’università, avevo preso l’abitudine di interrompere gli studi nel mese di ottobre per recarmi in Francia nella regione della Champagne, per partecipare alla vendemmia. Lavoravo per circa quindici giorni per poi, con i soldi guadagnati, continuavo a viaggiare in Francia per vacanza. I miei amici dell’università, mi sconsigliavano vivamente di interrompere gli studi proprio nel momento in cui l’attività universitaria riprendeva in pieno e mi dicevano: «Rischierai di non andare avanti bene, di perdere il ritmo dello studio, con gravi ripercussioni per la durata complessiva del tuo percorso».

Inserito da