Foto Iniziale

Un programma di affiliazione sempre più semplice ed esclusivo (parte 3)

GIACOMO BRUNO & VIVIANA GRUNERTCiao ragazzi, come promesso abbiamo ascoltato e valutato tutti i vostri feedback.

Come sapete il nostro scopo è quello di metterci sempre in gioco e migliorare ogni giorno di più. Al tempo stesso dobbiamo mantenere elevata la qualità del programma di affiliazione, perchè il lavoro degli affiliati deve rispecchiare il nostro brand.

Foto Iniziale

FreePerClick Tracking: I Segreti Del Tracciamento Per Aumentare Le Tue Vendite

Un saluto a te, lettore del blog! Dopo il grande apprezzamento di FreePerClick Searching uscito settimane fa, ho il piacere di presentarti una nuova guida gratuita che tratta l’argomento del “Tracking“, cioè il Tracciamento.

Il sistema Gold Standard (parte 6/10)

Foto Iniziale

Per eliminare il problema inflazione (e siamo già in pieno medioevo), le singole nazioni cominciarono a creare conio di piccola taglia solo se era presente nei forzieri dello stato dell’oro in garanzia. Questo sistema fu poi utilizzato come base da tutto il mondo creando il così detto sistema “Gold Standard”. Ovviamente per la perfetta riuscita del meccanismo, ogni stato doveva per forza creare moneta solo se aveva il sottostante (oro in cassa) e non doveva barare sulla composizione delle monete d’oro… cosa che non accadeva quasi mai (in modo da arricchirsi tramite il signoraggio) e, di fatto ogni stato subiva un inflazione (più o meno galoppante).

Inserito da
Foto Iniziale

Un programma di affiliazione sempre più semplice ed esclusivo

GIACOMO BRUNO & VIVIANA GRUNERTCiao ragazzi, molti di voi si sono accorti che nelle ultime settimane stiamo apportando diverse migliorie al pannello dell’Area Utente.

Migliorie grafiche per facilitarne l’uso, dall’area ordini al menu contestuale. Ma anche migliorie tecniche sul programma di affiliazione. Piccoli cambiamenti che porteranno a tante novità e ad un programma di affiliazione sempre più esclusivo.

Foto Iniziale

I lati positivi della crisi: parte 3 Cosa fare?

Questo articolo prende spunto da alcune mail che ho ricevuto in risposta al precedente articolo: “Tempo di crisi. Perché non approfittare?”

Alcuni amici mi hanno infatti chiesto se potesse essere il momento giusto per gettarsi nel trading on-line? La mia risposta è: “Perché no?”

Inserito da

Crisi: meglio o peggio del 1929?

Foto Iniziale

Preoccupati dell’andamento e della volatilità delle Borse? I dati economici vi preoccupano e mentre leggete i dati sul crollo della produzione e sui nuovi licenziamenti temete che prossimamente questa cosa potrebbe riguardare anche voi? Il rimbalzo dei mercati azionari non capite se è una trappola dell’orso o se è invece il segnale di un’inversione di tendenza?

Inserito da
Foto Iniziale

Novità per i Clienti: 1 Mese di Sconto 10% su Tutti i Prodotti con il Nuovo Carrello!

Molte delle novità tecniche del sito della Bruno Editore sono rivolte ai nostri Autori e ai nostri Affiliati, con pannelli rinnovati, nuovi servizi e così via.

Stavolta la novità è tutta per i nostri clienti!

Assegno non pagato –Grazie alla pianificazione finanziaria l’azienda ne soffre meno

Foto Iniziale

Ciao ti voglio raccontare un fatto reale accadutomi a fine marzo 2009-
Sono stato chiamato da una mia Cliente che ha una piccola impresa, estremamente attenta alla pianificazione finanziaria e alla correttezza in ogni senso.
Grazie anche a questa mentalità negli anni la ditta è riuscita a farsi affidare bene da più banche, creandosi inoltre un piccolo fondo di liquidità da utilizzare per le emergenze.
C’è da precisare che difficilmente l’azienda ha utilizzato l’extrafido, è sempre rimasta nei parametri ed ha una valutazione di rating buona.
La responsabile aziendale mi chiama poiché ha ricevuto un assegno insoluto di circa 30.000 euro e mi ha chiesto di accompagnarla in banca per richiedere la possibilità di un finanziamento temporaneo per scoperto di conto corrente sino allo sperato pagamento dell’Assegno dall’emittente, per evitare di andare a utilizzare fidi presso altre banche o utilizzare i propri fondi che in questi periodi possono veramente rappresentare una sicurezza.
L’assegno emesso dal debitore era ormai presso il notaio, e così come previsto dalla legge entro 60 giorni dall’emissione dovrebbe essere pagato altrimenti l’emittente sarà iscritto alla Centrale d’Allarme Interbancaria (CAI) con la conseguenza di non poter emettere assegni per il periodo di 6 mesi oltre a scattare le conseguenze (sanzioni pecuniarie e revoca di sistema)
Poiché con quell’insoluto la ditta andava scoperta di conto in extrafido, la banca richiedeva il rientro anche per non penalizzare l’impresa che sarebbe segnalata in centrale rischi come sconfinata.
La piccola impresa aveva delle fatture da portare al SBF per pagare i debiti di fine mese.
Abbiamo chiesto quindi al gestore bancario se si poteva avere un fido temporaneo autorizzato in maniera da non pagare tassi esagerati e per non essere segnalati. Questo affidamento avrebbe permesso anche di pagare i debiti a fine mese senza “fatica”.
La risposta come già immaginavamo è stata – “Non si può. Ora dare gli scoperti di conto corrente diventa un problema, è fuori dalle nostre autonomie, eventualmente portate i documenti che vediamo se possiamo aumentare il fido per il salvo buon fine, ma sarà difficile per il fido di cassa.”
A quel punto mi sono alzato e ho detto al funzionario : “ok ci aspettavamo una risposta del genere, comunque ora che abbiamo bisogno, voi non ci aiutate, è inutile che Lei ci darà un fido ulteriore chissà tra quanto.”
La mia Cliente aggiunge: “Fortunatamente fidi di Salvo Buon Fine presso altre banche ne abbiamo e liberi da poter utilizzare. Il problema sarà che anticiperemo presso un’altra banca, copriremo il Vostro scoperto e purtroppo non pagheremo parte di altri fornitori nei tempi giusti – Grazie lo stesso “

Inserito da

Dalla Moneta al Signoraggio (parte 5/10)

Foto Iniziale

Con il conio si è risolto il problema delle truffe sulle monete e si diede garanzia a tutti che la moneta aveva il valore dichiarato. Rimaneva però il problema del frazionamento che permettesse di comprare oggetti di poco valore.Dato che una moneta non poteva avere dimensioni microscopiche per poter formare dei “tagli” piccoli adatti al commercio comune, si è pensato di creare delle monete in materiale non nobile (il più usato dei quali fu il rame) che equivalesse a cifre piccole sottomultiple di una moneta d’oro o d’argento. I più evoluti da questo punto di vista (rispetto all’epoca) furono i Romani. Crearono monete di tutti i valori in grado di soddisfare qualunque esigenza.

Inserito da
Foto Iniziale

Calendario di Maggio 2009: quale sarà il best-seller?

Eccoci dopo le feste di Pasqua con il nostro consueto appuntamento mensile per l’annuncio del prossimo calendario.

La primavera riserva sempre tante sorprese e anche alla Bruno Editore ne abbiamo  svelata una proprio ieri: a grande richiesta, Bruno Editore entra negli ebook scolastici!

La nascita della Moneta (parte 4/10)

Foto Iniziale

Pur con tutti i vantaggi apportati dal baratto rimanevano comunque molti problemi insoluti:
innanzitutto quando si effettuavano commerci con altri villaggi era problematico trasportare con se la moneta di scambio. In secondo luogo, non è detto che essa fosse alla base della dieta dell’altro villaggio (magari non utilizzavano grano ma orzo oppure non era gradita la carne di pecora).