Foto Iniziale

Ana Maria Ghinet e Josè Scafarelli: i primi anni di vita impattano sulla nostra libertà personale

La nostra Libertà è strettamente collegata al modello di Libertà Interiore che abbiamo nella programmazione della nostra mente. Questa dipende molto dalle esperienze che abbiamo avuto nei primi anni di vita, dall’influenza della Società e dalle informazioni ricevute nel DNA. È quanto emerge dagli studi del Determinismo Psichico, Ambientale e Genetico, che dimostrano che se queste tre mappe sociali sono state positive e gratificanti nei nostri confronti avremmo probabilmente sviluppato un modello mentale positivo della nostra Libertà Interiore.

Inserito da
Foto Iniziale

Giacomo Bruno pubblica “LOPRESTO”, la biografia del collezionista di auto d’epoca Corrado Lopresto

Per coloro che sono appassionati di auto d’epoca, esce oggi il libro autobiografico di Corrado Lopresto “LOPRESTO. L’arte di tenere in vita l’arte da un grande collezionista appassionato di auto d’epoca italiane” (Bruno Editore). Al suo interno, l’autore condivide con i lettori i segreti dell’arte del collezionismo e le strategie utilizzate per restaurare le più iconiche e celebri automobili italiane.

Inserito da

Oscar Dalvit: il 37% delle aziende chiude nei primi 4 anni

Foto Iniziale

I dati parlano chiaro. Il 37% delle aziende italiane si ritirano dal mercato dopo appena 4 anni di attività. Il motivo principale? Oltre alle classiche problematiche di carattere economico, c’è soprattutto la difficoltà di non riuscire a garantire un flusso costante di nuovi clienti capace di rendere sostenibile l’attività aziendale nel lungo periodo.

Inserito da

Umberto Palamaro lancia il Bestseller “Il Corriere Espresso”

Foto Iniziale

Chiunque si sia trovato a dover traslocare sa benissimo quanto impegnativo sia tutto ciò, tanto in termini di organizzazione generale quanto in termini di stress. La cosa certa è che senza le giuste informazioni, quella che apparentemente potrebbe essere vista un’attività del tutto routinaria, potrebbe generare molti problemi.

Inserito da
Foto Iniziale

Barbara Leporini: solo il 15% delle donne italiane ha fiducia in sé

Secondo le ricerche attuali, appena il 15% delle donne italiane dichiara di avere un alto livello di fiducia in sé stessa. Tra le cause più rilevanti da segnalare c’è sicuramente una pressione sociale sempre maggiore che porta gran parte di queste a sentirsi inadatte rispetto al mondo che le circonda, tanto dal punto di vista lavorativo quanto in altri ambiti.

Inserito da
Foto Iniziale

Come Pubblicare un Libro Senza Spendere Soldi

Come Pubblicare un Libro? Pubblicare un libro significa realizzare un sogno. E io come te ho sempre cercato qualcuno che credesse nel mio di sogno, che era quello di pubblicare un libro per condividere le mie conoscenze con altre persone. E in questo articolo ti spiego quali opzioni hai per pubblicare un libro e diventare autore bestseller oggi.

Inserito da

Quanto si guadagna con un libro?

Foto Iniziale

Quanto si guadagna con un libro? Da un lato si dice che il libro è lo strumento n.1 per la libertà finanziaria. Dall’altro gli scrittori si lamentano che i diritti d’autore sono prossimi allo zero. Il mondo degli scrittori è molto vario e sicuramente l’attuale situazione dell’editoria italiana non aiuta a fare chiarezza. In questo articolo vediamo di capire qual è la verità e quali sono i guadagni realistici che ci si può aspettare dallo scrivere un libro.

Inserito da
Foto Iniziale

Bibop Gresta: il primo libro al mondo su Hyperloop, la capsula da 1.223 km/h nata da un’idea di Elon Musk

La rivoluzione nel mondo dei trasporti è già cominciata ed è destinata a cambiare per sempre le nostre vite. Ha un nome preciso, Hyperloop, e non si tratta dell’ultimo treno super veloce, bensì di una capsula che ambisce a diventare il mezzo di trasporto urbano ed extraurbano più veloce ed efficiente al mondo toccando i 1.223 km/h.

Inserito da

Maurizio Di Cola: l’80% delle aziende italiane che esportano all’estero sono PMI

Foto Iniziale

Secondo il rapporto annuale dell’Ice (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane), l’80% delle aziende esportatrici sono di piccole e medie dimensioni. Dalla ricerca risulta che, sebbene solo 136.000 di queste vendono all’estero, l’export da esse generato pesa per oltre il 30% sul PIL.

Inserito da

Roberto Bellafiore: il 40% dei dipendenti penserà di cambiare lavoro nel 2022

Foto Iniziale

Secondo una ricerca condotta da McKinsey, nel corso del 2022 il 40% dei lavoratori dipendenti penserà seriamente di cambiare lavoro. Basti pensare che solo nell’ultimo anno le aziende italiane hanno registrato un aumento esponenziale delle dimissioni volontarie tra i dipendenti compresi nel range di età tra i 26 e i 35 anni. Un effetto questo diretta conseguenza della pandemia.

Inserito da
Foto Iniziale

Personal Brand 3X: Giacomo Bruno presenta il suo 28° libro in diretta Zoom

Sviluppare un Personal Brand in un mondo così competitivo non è affatto semplice. Ma è necessario. In Italia ci sono oltre 8.200.000 tra professionisti e imprenditori. E come dimostra l’ultimo rapporto del Ministero delle Finanze, questa cifra è in progressivo aumento. Questo vuol dire che distinguersi e fare profitto è sempre più difficile. Vale per tutti: dagli avvocati ai commercialisti, dai medici ai dentisti e così via.

Inserito da

Marta Fortunato: 122.000 richieste di ristrutturazioni edilizie grazie al Super Ecobonus 110%

Foto Iniziale

Secondo i dati forniti dall’Enea e dal Ministero della Transizione Ecologica, ad oggi il numero di richieste avanzate per accedere al Super Ecobonus 110% ha superato quota 122.000, per un totale di investimenti di riqualificazione energetica ammessi alla detrazione pari a oltre 21 miliardi di euro. Sulla base del report, la regione italiana maggiormente attiva in tal senso risulta essere la Lombardia, seguita dal Veneto e dal Lazio.

Inserito da

Lorenzo Napolitano: il 60% degli europei ha una visione pessimista del futuro

Foto Iniziale

Secondo uno studio condotto dalla Commissione Europea emerge un dato significativo: il 60% degli europei ha una visione pessimistica del futuro a due anni dall’inizio della pandemia. Una percentuale questa che fotografa un “sentiment” a dir poco preoccupante, enfatizzato ancor di più dalla recente guerra tra Russia e Ucraina.

Inserito da