Foto Iniziale

Parafrasando Jacques Séguéla: “non dite a mia moglie che faccio il coach delle donne” Storia di un posizionamento serio – prima parte

Quando a gennaio del 2008 Giacomo Bruno mi rispose dicendomi che avrebbe pubblicato il mio ebook Penso Positivo, non stavo più nella pelle. Da lì a poco, si sarebbe realizzato un doppio sogno: diventare uno scrittore e veder pubblicato il mio lavoro motivazionale che portavo in giro per l’Italia con i seminari.

Già pregustavo i volumi di vendita dell’ebook e i titoli sui vari giornali. Già mi vedevo come il primo italiano ad aver scritto un libro sul pensiero positivo (giacché al riguardo erano tutti americani); già sognavo le interviste e la notorietà.

Invece, tutto questo durò pochissimo, nel giro di tre mesi dalla pubblicazione dell’ebook, tornai improvvisamente con i piedi per terra. Anzi, meglio dire che la realtà mi aveva tristemente “svegliato” dal mio torpore e riportato alla vita quotidiana.

Avevo venduto si è no un centinaio di copie e la mia notorietà non era per nulla schizzata alle stelle.

Non riuscivo a capire: studiavo e sviluppavo il pensiero positivo e la motivazione umana dal 1999, eppure, per il mercato ero ancora un perfetto sconosciuto, o quasi.

Fu allora che presi coraggio e decisi di chiedere aiuto a qualcuno più bravo di me nel posizionamento: al mio stesso editore, Giacomo Bruno e a Marco De Veglia, uno dei più noti copywriter ed esperti di internet marketing.

Furono entrambi di una gentilezza unica e sia Giacomo sia Marco, risposero a tutte le innumerevoli email che inviai. A conferma che i grandi, sono molto più disponibili di quanto possiamo pensare.

Giacomo mi aiutò a capire che parlando di pensiero positivo ero un po’ troppo “generalista”: come potevo pensare di associare il mio nome al Pensiero Positivo quando lo stesso era associato da più parti a personaggi come Napoleon Hill, Lousie Hay, Dale Carnegie, Norman Vincent Peale?

Il pensiero positivo era troppo generico; la formazione motivazionale che sviluppavo da anni era troppo generica. Lo stesso coaching motivazionale era ancora troppo generico.

Giacomo mi spiegò che i migliori, coloro che hanno più successo, sono diventati famosi ritagliandosi delle nicchie di mercato ben precise. Non offrono tutto a tutti. Hanno rinunciato a qualcosa e si sono concentrati su qualcosa in particolare. Si sono focalizzati sul fare una sola cosa, e farla bene.

Del resto, lui e Viviana Grunert, con la Bruno Editore sono un esempio di posizionamento per tutti.

Seppur con ritardo, cominciavo a capire perché, nonostante facessi il formatore motivazionale da oltre dieci anni, “Giancarlo Fornei” non aveva una sua identità ben definita, un posizionamento specifico nella mente delle persone.

Forte dello “scossone” ricevuto da Giacomo. Mi sono messo a ragionare su cosa facessi di particolare per i miei clienti e dopo un po’ di giorni, ho convenuto che erano sostanzialmente due le cose che emergevano:

  1. negli ultimi anni avevo lavorato quasi esclusivamente con donne;
  2. le avevo aiutate a tornare a credere in se stesse, nonché a riprendersi la propria vita.

Ho così notato che con le donne con le quali lavoravo per un certo periodo di tempo, usavo un sistema quasi ripetitivo: prima facevo un certo tipo di lavoro, poi un altro, poi un altro ancora, ecc. Usavo una sorta di metodo in 5 punti.

Parlandone con Marco De Veglia, mi ha fatto notare che sarebbe stato meglio sostituire la parola punti con passi. Passi dava l’idea di qualcosa in movimento, di qualcosa da compiere.

Inoltre, Marco mi spinse a cercare una parola diversa da “personal coach” (troppo generica e, soprattutto, dove primeggiavano già personaggi come Roberto Re e Livio Sgarbi), che potesse darmi una nicchia solo mia, in cui essere il primo. Cercai su Google la parola “mental coach” e scoprii che all’epoca, erano quasi tutti americani o comunque, stranieri.

Spinto dai suggerimenti di Giacomo e di Marco, mi sono focalizzato sempre di più, sino a creare un messaggio semplice e al tempo stesso ad effetto, da associare al mio nome, in modo che fosse facile posizionarmi nella mente delle persone ed essere riconosciuto come:

Giancarlo Fornei,
il mental coach che aiuta le donne a creare autostima e raggiungere un obiettivo in 5 passi.

Con il prossimo post, Ti racconterò come ho scalato le vette di uno dei motori di ricerca più importanti come Google, arrivando nelle prime posizioni di parole chiave con oltre 14 milioni di ricerche.

Alla continuazione del post e lasciami un commento.

A Cura di Giancarlo Fornei,
Formatore Motivazionale & Mental Coach
“Che aiuta a raggiungere gli obiettivi in 5 passi”
Autore degli ebook “Penso Positivo e “Donne in Crisi”

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: