Foto Iniziale

La gestione degli spazi ovvero “La prossemica”

Parte molto importante durante la preparazione di un processo comunicativo, è la pianificazione della prossemica.
Ogni comunicatore, infatti, ancora prima di iniziare a parlare ad una platea, dovrebbe non solo visitare l’aula dove verrà svolto il convegno o la riunione per poter essere il maggior modo possibile “padrone della scena”; dovrà anche valutare se parlare in piedi o seduto.

Questa valutazione, è di vitale importanza per riuscire a mantenere vivo l’interesse di chi ci sta ascoltando.
Ad esempio, durante i primi minuti di una comunicazione consiglio sempre, naturalmente ove sia possibile, di parlare in piedi muovendosi e gestendo nel migliore dei modi tutto lo spazio a nostra disposizione con la massima naturalezza.

Una figura statica dietro ad una cattedra sicuramente non potrà mai suscitare l’interesse inconscio che potrebbe fare invece una figura in movimento.
Ricordo che lo scopo principale di chi parla in pubblico, è quello di portare a termine la comunicazione, questo vuol dire che non bisogna solo pensare a far arrivare il messaggio; bisogna anche riuscire ad ottenere un buon feedback (risposta) da parte della platea.

Il feedback ottimale non è solamente quello che viene recepito attraverso le domande che vengono poste dal pubblico; è anche dato dalla visione di un’assemblea attenta all’oratore.

Un consiglio che voglio dare a chi deve parlare in pubblico ed ha la possibilità di muoversi è quello di avvicinarsi alla platea per fare degli esempi o per parlare delle proprie esperienze vissute in relazione al dato argomento (sono il segreto per richiamare l’attenzione: la gente ama farsi i fatti degli altri! ;-)).

Tornare invece dietro alla cattedra o vicino allo schermo o alla lavagna, per far capire l’importanza e l’ufficialità di ciò che stiamo per dire.

A Cura di Massimo Pigliacampo,
Autore de “I Segreti per Parlare in Pubblico”

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: