Come si scrive il Marketing Plan

Qualche giorno fa un amico, che ha un’impresa, mi ha detto: “Ho comprato una decina di libri per scrivere un piano di lancio del mio nuovo prodotto, ma non ho ancora capito bene come fare. Antonio, puoi darmi una mano?”.

Beh, francamente ho sorriso a questa domanda, perché….non è la prima volta che mi viene fatta e non sarà di certo l’ultima!

Ma perché è spesso difficile scrivere un piano di marketing, per ridefinire il proprio business o lanciare un nuovo prodotto?

Quali sono gli step per creare un prodotto di successo e venderlo in modo efficace?

Ne parlo più diffusamente proprio in LANCIARE PRODOTTI DI SUCCESSO, che sarà pubblicato da Autostima.net il 29 maggio.

Prima di quella data, ho pensato però di dare un contributo al blog scrivendo alcune mie riflessioni su come redigere in modo pratico uno studio di fattibilità commerciale.

Come il mio amico aveva ammesso, la conoscenza del marketing e dei suoi processi non è sufficiente a permettere la redazione del relativo piano.È necessaria una scaletta che guidi nella raccolta dei dati, nel commento, nell’organizzazione del documento.

In base a quanto esposto, una buona struttura potrebbe essere la seguente:

1.      Sommario

2.      Analisi della Situazione

3.      Strategia di Marketing

4.      Aspetti Economici e Finanziari

5.      Implementazione e Controllo

Nella parte introduttiva – Sommario – è opportuno indicare la denominazione dell’azienda, le finalità del piano, i destinatari, la sua struttura e anche sintetizzarne i contenuti.

Nella parte – Analisi della Situazione – può essere svolta un’ampia disamina di tutti gli aspetti mercatistici, ambientali e aziendali; l’Analisi della Situazione è il serbatoio informativo che dovrà guidare nella successiva definizione delle strategie di marketing, prevista nella terza parte del piano (Strategia di Marketing).

In questa sezione deve prendere corpo tutto l’impianto progettuale in merito ai mercati da aggredire, i prodotti da offrire, le modalità di collocamento commerciale.

Segue quindi una quarta parte – Aspetti Economici e Finanziari – in cui le strategie devono essere raccordate con i volumi di vendite desiderati, le necessità di pareggio economico, la struttura dei margini di contribuzioni ai vari livelli.

Infine, il piano deve chiudersi con una parte – denominata Implementazione e Controllo – nella quale devono essere indicati tutti i programmi operativi necessari alla realizzazione delle strategie – risorse tecniche, economiche, finanziarie e umane, fasi, tempi – e le modalità di controllo ritenute più opportune per seguire i processi attivati.

Dovrà quindi essere delineata la struttura organizzativa commerciale, le responsabilità, le vie di coordinamento.

Come ultimo step è preferibile, almeno per grandi linee, prevedere un piano di emergenza da implementare in caso di andamenti poco soddisfacenti o gravi difficoltà che richieda un intervento pronto e determinato di riassetto.

Abbiamo ora delineato la struttura base del piano.

Come riempire ciascun step con analisi, valutazioni e conteggi?

Lo vedremo la prossima settimana!!! 😉

A presto!

Antonio Ferrandina
docente universitario e marketing specialist
Autore dell’ebook LANCIARE PRODOTTI DI SUCCESSO

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: