Foto Iniziale

Come realizzare più prototipi di un oggetto di design

Come descrivo nella mia guida “Creare oggetti di design” è importante, nella fase di prototipizzazione, riprodurre lo stesso modello in più esemplari. Lo scopo può essere quello di  realizzare più varianti dello stesso modello in modo da potere scegliere il modello più riuscito come prodotto finale.

Ma più modelli potrebbero anche servire per realizzare una piccola pre-serie allo scopo di condurre un’indagine di gradimento verso negozi e distributori prima di buttarsi nella produzione.

Dopo avere realizzato un modellino, meglio se in un materiale duro come gesso, Das o qualsiasi altro materiale che possa essere lavorato, fornitevi del seguente materiale: plastilina, gesso alabastro, Kerolin, Silicone HF, distaccante spry nelle quantità adatte alla dimensione dell’oggetto che volete realizzare. Scegliete poi un posto pulito sgombro da oggetti.

Supponiamo che abbiate realizzato il vostro primo modello in Das; per fare delle copie identiche all’originale dovrete creare uno stampo formato da due mezzi stampi in silicone e due mezzi stampi in gesso che li contengano.

Il gesso di contenimento è necessario perché le due metà in silicone, una volta chiuse, non si deformino per la colata del materiale in cui vorrete realizzare il vostro modello: il Kerolin nel nostro caso, creando così copie non perfettamente uguali e diverse dall’originale.

  • Prima di tutto levigate e finite il vostro oggetto in Das. Finitelo bene fino ad usare una carta vetrata di grana 1000 e infine verniciatelo con vernice alla nitro. Scartavetratelo nuovamente e riverniciate una seconda volta. Fatelo fino a che non scompaiono tutte le rugosità. Prendiamo ad esempio il cavallino della Foto 1.
  • Ora ricopritene la metà esatta con la plastilina. A seconda del punto dove avete deciso di fare la colata di Kerolin (nel nostro caso sulla testa) dovrete creare degli sfiati per l’aria nei punti più sottili delle zampe in modo che non si creino delle bolle d’aria nei punti più bassi e sottili del vostro cavallino che quindi il Kerolin non riuscirebbe a riempire; fatelo con tondini di ferro da 1 millimetro non presenti nella Foto 2. Poi fate l’impronta per la colata, sulla testa nel nostro caso con un tubo da 15 mm.
  • Create un recinto attorno al modellino inserito nella plastilina utilizzando un foglio di plastica flessibile da circa mezzo millimetro che farà da contenitore alla colata di silicone e spruzzate il distaccante su tutte le superfici. Poi create un secondo recinto più esterno intorno alla plastilina. Piantate nella plastilina due spine cilindriche a 180° di diametro di 8mm e lunghe almeno 3 cm. Colate il silicone dopo averlo mescolato con il catalizzatore.  Lasciate asciugare 18/24 ore e appena quindi togliete la lastra di plastica. Vi apparirà come nella Foto 3.
  • Tagliate con un taglierino i bordi del silicone per evitare che vi siano sottosquadri che impediscano l’estrazione del silicone dallo stampo in  gesso. Spruzzate il distaccante e colate il gesso alabastro.
  • Appena asciugato il gesso, dopo circa un’ora, capovolgete lo stampo di 180°, asportate la plastilina perfettamente, pulite con un panno pulito e inserite la lastra flessibile intorno alla forma di silicone appena realizzata. Vi apparirà come nella Foto 4.

Dopo avere spruzzato il distaccante sulla superficie interna, colate il silicone nel recinto più interno e lasciate asciugare 18/24 ore. Appena il silicone si sarà asciugato asportate la lastra che lo contiene e fate una seconda colata di gesso dopo avere riempito con plastilina le fessure che si fossero formate tra la lastra interna e il gesso (vedi freccia). Questo impedirà al gesso di infiltrarsi all’interno del primo stampo in gesso.

  • Quando è asciutto il gesso togliete la lastra esterna. I tre forellini all’interno dei cerchietti rossi, che vedete nella Foto 5, sono gli sfiati per l’aria delle zampe e della coda da un lato. Dall’altro alto ce ne saranno solo altri due per le due zampe.
  • Aprite le due metà in gesso ed estraete le due metà in silicone. Togliete il modellino del cavallo iniziale, lavate il silicone con acqua tiepida e sapone da piatti in piccola quantità, asciugate e inserite nuovamente ciascuna metà in silicone nella corrispondente metà di gesso (Foto 6). Chiudete lo stampo fissandolo con elastici un po’ spessi. Usate fette di camera d’aria di pneumatico.
  • Mescolate il Kerolin con l’acqua (3 parti di polvere e 1 di acqua se volete riempire bene uno stampo come questo) stando attenti che quando create la miscela è la polvere a dovere essere versata a poco a poco nell’acqua e non il contrario come per il gesso alabastro. Questo fa si che escano le bolle dall’impasto.

Ora mescolate in un solo verso fino a quando l’impasto è omogeneo e lasciate riposare un minuto. Dopo vi rimangono 5 minuti per versare l’impasto Kerolin. Mentre colate scuotete e inclinate lo stampo leggermente in varie direzioni in modo da facilitarne il riempimento e la fuoriuscita delle ultime bollicine d’aria. (Seguite comunque le istruzioni sulla confezione).

Dopo 20 minuti il vostro oggetto sarà indurito ma voi potrete estrarlo meglio se dopo altri 20 minuti. Per vedere a che punto è il Kerolin versate la quantità rimanente su un piano a formare una piccola lastra. Ogni 10 minuti provate a spezzare il campione e vi renderete conto così a che punto è l’indurimento.

  • Estraete contemporaneamente le due metà di silicone dallo stampo in gesso e deformandone una liberate dal silicone il modellino finale (Foto 7). Poi togliete la seconda metà in silicone deformandola (Foto 8). Tagliate l’eccesso di gesso (la materozza) sulla testa con un seghetto.

Ora è pronto per essere levigato, perfezionato e colorato.

Buon lavoro!

A cura di Francesco Filippi
Autore di Creare Oggetti di Design

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: