Foto Iniziale

Come la voce può diventare spettacolo

Una sala buia. Un leggio. Un cono di luce illumina la pagina di un libro. Una voce legge un brano del libro… ed è subito spettacolo. Quella voce, di volta in volta grintosa e piena di mordente, morbida e calda, grottesca e ironica, rotta e drammatica, neutra e fredda, modulata e melodiosa, ci prende per mano e ci guida lungo i sentieri poco battuti dell’immaginazione.

Schiavi della televisione, giorno dopo giorno uccidiamo la fantasia. Affondati nei cuscini di una poltrona o di un divano, restiamo come ipnotizzati davanti allo schermo acceso e subiamo passivamente il bombardamento d’immagini senza poter intervenire a governare il flusso emozionale derivato da quelle immagini, se non con l’uso del telecomando per cambiare canale o per spegnere l’apparecchio.

La radio è invece pura creatività. Quelle voci disincarnate che ci accarezzano l’orecchio inducono a riflettere e proiettano la mente oltre le frontiere del quotidiano. Il pensiero viaggia nei territori inesplorati della fantasia fino ad approdare in terre sconosciute, in scenari incantati che solo l’immaginazione è in grado di proporre con tale e tanta vivezza.

La radio è partecipazione, la televisione, al contrario, la si subisce. Lo spettacolo di una voce che recita un brano di un libro è altrettanto partecipativo. Quella voce piena di mordente ed espressività è in grado di accendere l’immaginazione dell’ascoltatore e gli restituisce intatta l’autonomia del cervello. Quanto più quella voce senza corpo è coinvolgente tanto più la fantasia così innescata crea immagini, inventa suoni, evoca emozioni, in un film mentale di cui l’ascoltatore è l’unico regista.

Naturalmente il prodigio avviene se la voce narrante è calda, modulata, è capace di dare mordente ed espressività alla parola letta, mentre sarebbe soltanto irritante e controproducente una lettura sgrammaticata, monocorde, senza partecipazione. Con un po’ di buona volontà tutti sono in grado di saper ascoltare, come tutti sono capaci d’imparare a leggere, ma pochi sanno diventare lettori. Allo stesso modo di come tutti possono imparare a suonare uno strumento musicale, ma pochi possiedono il talento di diventare concertisti. Ecco la voce può essere assimilata ad uno strumento musicale. Bisogna imparare a suonarlo.

Per mettere a punto il proprio strumento, innanzitutto, occorre registrare alcune componenti importanti senza le quali la voce non può esprimersi al meglio. Il primo elemento da sistemare è l’uso corretto della respirazione. Se vogliamo farci ascoltare, dovunque ci troviamo, dobbiamo imparare ad usare il diaframma. È infatti il diaframma che dà intensità, sonorità alla voce.

Il secondo elemento è la corretta impostazione della voce. Il suono, creato dal fiato che fa entrare in vibrazione le corde vocali, per uscire all’esterno ha bisogno di essere amplificato. Abbiamo diverse camere di risonanza: il cranio, il naso, la gola… ma non ci deve essere la prevalenza di un’armonica rispetto alle altre, il timbro che ne scaturirebbe non sarebbe corretto. C’è la necessità di un assoluto bilanciamento delle casse armoniche. Soltanto in questo modo, con il timbro cosiddetto di petto, siamo in grado di avere una voce correttamente impostata, per nulla sforzata e che non si stanca facilmente.

Abbiamo un obiettivo da raggiungere: quello di una voce piena, chiara, sicura. La pienezza si raggiunge con la respirazione e l’impostazione corrette. La chiarezza con una corretta articolazione. La sicurezza, con la conoscenza delle proprie potenzialità e con il lavoro posto in atto per realizzarle.

Nonostante gli sforzi, potremmo ancora non essere soddisfatti della nostra voce. Potrebbero esserci delle disfonie che vorremmo eliminare. Se la nostra voce è troppo sottile, acuta, tremolante, querula, chioccia, intubata, gutturale, nasale, rauca e via dicendo, nessun timore. Se i difetti sono imputabili a cattive abitudini contratte negli anni, esistono esercizi d’ortofonia mirati a superare queste disfonie. Se i problemi sono di natura organica, gli esercizi non bastano, occorre l’intervento di un foniatra esperto o di un logopedista.

Sistemato il timbro, proprio come uno strumento musicale, è necessario accordare la voce secondo il suono corretto delle vocali e delle consonanti (fonetica) e secondo la corretta pronuncia delle parole italiane (ortoepia). Finalmente il nostro strumento è pronto per essere impiegato. Adesso occorre imparare a suonarlo.

A cura di Alberto Lori
Autore di Voce da Speaker, L’Arte della Comunicazione, Dalla PNL alla Quantistica e altri

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: