Foto Iniziale

Come dire “no” in modo assertivo

Per ogni essere umano la qualità delle relazioni che intrattiene con gli altri – familiari, amici, colleghi e conoscenti – è certamente la fonte principale dei suoi appagamenti ma anche delle sue frustrazioni.

Ad esempio, ti è successo di essere rimproverato dal tuo capo davanti ai colleghi per non aver condotto efficacemente la trattativa con un cliente?

Oppure, in fila in un ufficio pubblico, hai mai avuto occasione di veder passare davanti a te l’onnipresente arrogante che ti guarda con aria di sfida? Infine, ti è capitato di non riuscire a dire di no al collega che – per l’ennesima volta – ti chiede di fare al suo posto un certo lavoro noioso “perché tu sei così preciso”?

Come hai reagito? Hai accettato passivamente le ingiustizie? Oppure hai controbattuto con aggressività alle accuse che ti sono state mosse? O, ad esempio, allo “scavalcatore di code” hai lasciato il posto per evitare la lite? E, al collega furbetto, quante volte avresti voluto dire chiaramente cosa pensi delle sue richieste ma finora hai sempre taciuto?

Se hai risposto “sì” almeno una volta, significa che le tue reazioni sono state caratterizzate, a seconda dei casi, da aggressività o da passività. E probabilmente la conseguenza di queste relazioni “cruente” è stata senso di frustrazione, irritazione e malumore… se non peggio.

Le modalità proposte dalla comunicazione assertiva avrebbero potuto aiutarti ad affrontare queste situazioni riportandole sul piano di un confronto costruttivo con evidenti benefici per la tua salute e per la tua autostima. Come?

Vediamo nello specifico una difficoltà che riguarda la maggior parte delle persone: non riuscire a dire “no” nemmeno quando dire “sì” significa mettere in secondo piano i propri desideri e obiettivi.

Il motivo per cui facciamo fatica a sottrarci a una richiesta di aiuto è legato al fatto che abbiamo il timore di essere giudicati egoisti dalle persone intorno a noi e, pur di non macchiarci di questo peccato, ci rendiamo disponibili.

Naturalmente il nostro stato d’animo – a quel punto – non è certo sereno e dentro di noi cova il malumore alimentato dalla prevaricazione subita e la rabbia di aver sacrificato tempo ed energie per qualcosa che non ci interessa.

Tre sono le riflessioni che ci possono ispirare per cambiare lo stato delle cose:

1 – per realizzare i nostri sogni, i nostri progetti e fare le cose che più amiamo è necessario gestire il nostro tempo con oculatezza;
2 – le persone sono molto più soddisfatte della nostra collaborazione se, quando la offriamo, è completa, senza remore e segno di autentica generosità;
3 – gli altri riescono ad accettare i nostri “no” se rappresentano reazioni fondate sulla nostra reale ed esplicita impossibilità/volontà ad aderire alla richiesta.

Quindi, la prossima volta che vi chiedono qualcosa e non potete/volete dire di “sì”, prendetevi il tempo di riflettere e poi dite esplicitamente (senza scusarvi) “non mi è possibile aiutarti, perché nelle prossime due ore devo portare a termine questo lavoro che è importante per me”, oppure “questa sera non vengo al cinema con voi perché preferisco frequentare il corso di yoga al quale mi sono iscritto”.

Se in un dato momento non potete/volete aderire alla richiesta ma ne avete la possibilità successivamente, potete dire “in questo momento non posso rileggere con te quella relazione ma se vuoi tra un’ora sarò libero”.

La comunicazione assertiva si fonda sulla capacità di non avere timore di esprimere in modo chiaro il proprio pensiero per salvaguardare, in modo rispettoso ma fermo, i propri desideri, obiettivi e progetti e mantenere sincere e positive relazioni con gli altri: non è facile ma – passo dopo passo – i risultati sono straordinari!

A cura di Bruna Ferrarese
Autore di Comunicazione Assertiva

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: