6 regole pratiche per presentare gli articoli di negozio al loro meglio

laura_tentolini muscinelliSappiamo bene che, se un cliente entra in negozio, significa che è già interessato agli articoli che vendiamo: da questo momento in poi, spetta a noi negozianti fare in modo che l’interesse iniziale si concretizzi in un acquisto.

Per vendere non è sufficiente disporre di una showroom piena di prodotti. Un’offerta ampia e diversificata, infatti, da sola non basta: ogni singolo bene dev’essere presentato al meglio curando sia l’ambiente di negozio nel suo insieme, che lo stile di presentazione della merce.

Questa regola generale vale per ogni tipo di articolo. Dedichiamo, quindi, tempo e attenzione alla presentazione dei prodotti offerti. Ecco 6 regole pratiche per presentare gli articoli di negozio al loro meglio.

  1. Inizialmente l’avventore è colpito dalla visione d’insieme e soltanto in un secondo momento noterà i singoli dettagli. Dopo aver disposto gli articoli su scaffali ed espositori, facciamo un passo indietro per valutare l’effetto complessivo dell’allestimento.
  2. Tutti gli oggetti in vendita devono essere puliti e attraenti, dev’essere un piacere toccarli, prenderli in mano, provarli: per chiunque visiti il negozio deve diventare naturale pensare di portarseli a casa.
  3. Ogni articolo deve apparire irresistibile e comunicare alla clientela un messaggio ben preciso: “Sono QUI, guardami, toccami, provami, sono perfetto per te, sono proprio quello che cercavi, portami via con te!”.
  4. Quanto più a lungo l’avventore terrà in mano un prodotto, tanto più difficilmente potrà separarsene. Facciamo in modo che l’articolo diventi un oggetto familiare. Incoraggiamo, quindi, il cliente a provare l’articolo liberamente e il più a lungo possibile. Nessuno acquisterebbe un oggetto senza prima averlo provato e valutato con attenzione!
  5. L’esperienza dell’articolo dev’essere completa: significa che deve coinvolgere tutti i sensi del cliente. Chiaramente, non si potrà “assaggiare” un paio di guanti da sci, ma adoperiamoci affinché sia possibile provarli con tutta calma. Permettiamo al cliente di toccare l’articolo, di osservarlo in tutte le sue componenti, d’indossarlo, di tenerlo in mano per avere la sensazione della superficie e così via. Tutte queste azioni faranno in modo che si abitui all’oggetto: l’idea di separarsene lo metterà a disagio e sarà pronto a tutto pur di portarselo a casa!
  6. Presentare un articolo dicendo:
    “Questo è l’ultimo che mi è rimasto”;
    “Non so se ne arrivano altri”;
    “L’avevo messo da parte per una nostra cliente”;
    “Mi scusi, ma non è in vendita”
    contribuiranno ad acuire il desiderio iniziale d’acquisto. Nulla rende un articolo attraente come vederselo sfuggire dalle mani!

Queste e altre tecniche per presentare al meglio gli articoli di negozio e per valorizzare vetrine, showroom ed espositori sono illustrate ampiamente nel nostro ebook “Dalla Vetrina al Magazzino”. Nel manuale troverete inoltre riflessioni sull’uso della comunicazione non verbale fra le persone, quanto mai efficaci per conquistare i clienti.

Buon lavoro a tutti in negozio!

A cura di Laura Tentolini e Alessandro Muscinelli

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: