Art. nr. 8 Come cambia la gestione degli aspetti economici nel passaggio da dipendente a libero professionista

 muscinelli tentolini«Quanto guadagna al mese un libero professionista?» si chiede il dipendente che intraprende la libera professione. Egli, infatti, non solo dovrà imparare a gestire il suo tempo, ma anche tutti gli aspetti economici e amministrativi della nuova attività. Da professionisti siete la ditta di voi stessi, dovrete amministrarvi da soli e abituarvi a gestire il denaro in modo diverso.

La gestione del flusso di cassa di un libero professionista è impensabile per chi ha fatto sempre e soltanto il dipendente in azienda!

 Vediamo insieme alcuni punti che, a prima vista, possono sembrare scontati, ma mostrano come cambia la gestione degli aspetti economici nel passaggio da dipendente a libero professionista.

 1° aspettoChi ha un impiego fisso riceve direttamente sul conto corrente un accredito regolare che rappresenta lo stipendio netto. Non deve preoccuparsi di pagare le tasse né di accantonare fondi per la pensione o la malattia; non deve versare l’IVA e nemmeno destreggiarsi in una miriade di vincoli e balzelli insidiosi che gravano invece sulle entrate del libero professionista.

 2° aspettoIl dipendente sa bene quanto percepisce di stipendio (gli basta leggere l’importo netto in busta paga) e conosce la data esatta dell’accredito. Per il professionista, invece, è più difficile capire esattamente quanto guadagnerà al netto delle imposte e non sa nemmeno con precisione quando sarà pagato. Di questi tempi è facile che ci siano ritardi nei pagamenti, soprattutto con le grandi amministrazioni.

3° aspettoIl dipendente è abituato a pensare in termini di entrate mensili e ragiona in funzione del fine mese; sa esattamente come regolarsi nell’attesa del prossimo accredito dello stipendio. Il libero professionista, invece, deve ragionare su scala annuale, non mensile, e considerare l’andamento generale annuo della sua attività.

 4° aspettoNon dimentichiamo che il libero professionista è pagato solo se lavora, a differenza del dipendente che riceve lo stipendio anche se è in ferie oppure in malattia. Il professionista, al contrario, quando non lavora non guadagna nulla. È una condizione d’incertezza spaventosa da accettare per chi proviene da un lavoro dipendente, soprattutto nei primi tempi della libera professione.

5° aspetto – A differenza del dipendente che trova in azienda gli strumenti per svolgere l’attività, il libero professionista deve procurarsi tutta l’attrezzatura: computer, utensili, manuali, auto, cellulare, ricambi, aggiornamenti, ecc. sono a suo totale carico.

6° aspettoL’azienda si occupa di tutte le pratiche amministrative per conto del dipendente (gestione contributi e infortuni, calcolo del cedolino e accredito dello stipendio, ecc.) lasciando a carico del lavoratore solo la dichiarazione dei redditi. Al contrario, il libero professionista deve occuparsi in prima persona della gestione amministrativa e fiscale della sua attività.

Questi e altri aspetti sono trattati in modo approfondito nell’ebook “Da Dipendente a Professionista” dove raccontiamo la nostra esperienza personale senza nascondere nulla, sia le prime difficoltà che i primi successi. Il manuale vi accompagnerà dal momento delle dimissioni fino a muovere i primi passi nella libera professione, con grande attenzione agli aspetti psicologici di questa scelta.

 In bocca al lupo e buon lavoro a tutti!

 A cura di Laura Tentolini e Alessandro Muscinelli

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: