Foto Iniziale

Staffing e destaffing

Passatemi la terminologia inglese che con solo due parole indica i processi di assunzione ed  di allontanamento di dipendenti. L’attuale momento di crisi generalizzata è connotato da un significativo aumento dei processi di sospensione/allontanamento di dipendenti e da un’altrettanto significativa contrazione delle assunzioni.

La riduzione di personale, a seguito di ristrutturazioni aziendali, non colpisce solo operai ed impiegati, ma anche quadri e dirigenti; spesso l’allontanamento di queste figure professionali si conclude con una risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.
E’ difficilissimo, d’altro canto, trovare delle opportunità d’impiego che prospettino contratti di lavoro dipendente; sono maggiori le possibilità che vengano offerti contratti di collaborazione a progetto.

Riporto, dunque, nelle prossime righe alcuni suggerimenti su come gestire una risoluzione consensuale od un contratto a progetto, nell’ipotesi di fare cosa utile a qualche lettore del nostro blog, che si ritrovasse ad affrontare una di queste due situazioni.
La risoluzione consensuale del rapporto di lavoro è una procedura con la quale si può interrompere un rapporto di lavoro, diversamente dalle dimissioni e dal licenziamento ed è un accordo liberamente sottoscritto tra azienda e dipendente, in certe particolari situazioni che si vengono a determinare, essenzialmente, a seguito di processi di riorganizzazione aziendale o ristrutturazione aziendale.

La risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, nelle sue linee essenziali, prevede che il dipendente si dia disponibile a cessare l’attività a fronte alla disponibilità aziendale ad erogare una somma concordata tra le parti. Le particolari situazioni che suggeriscono di prendere in considerazione la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, ammesso che sia l’azienda a proporla, si riferiscono a dipendenti vicino all’età pensionabile o a dipendenti che, nel caso appunto di processi di ristrutturazione aziendale e a fronte degli incerti di una vertenza, preferiscono accettare la proposta dell’azienda, se economicamente interessante.

  1. E’ consigliabile, per il dipendente, trattare le cifre sempre al netto.
  2. E ‘consigliabile, sia per il dipendente che per l’azienda, far validare l’atto con un verbale di conciliazione in sede sindacale. E’ tipico controfirmare l’atto, ad esempio, nelle sedi Confindustriali di fronte ai rappresentanti di categoria per l’azienda e a quelli sindacali per il dipendente.

Cliccate sul collegamento Formulazione tipo di un atto di risoluzione consensuale e troverete uno schema contrattuale ampiamente testato, che è risultato  protettivo sia degli interessi del dipendente che di quelli dell’azienda.

Il rapporto di collaborazione a progetto può essere una valida alternativa di lavoro; l’aspetto più delicato, nella pratica, è che sia realmente rispettata l’autonomia del collaboratore, che dovrà, solamente, essere responsabile di fornire il risultato atteso nei tempi stabiliti, senza dover rispondere ad una linea gerarchica aziendale e senza dover rispettare orari di lavoro.
Il collegamento Un contratto a progetto fornisce una formulazione contrattuale molto dettagliata e rispettosa sia degli interessi del datore di lavoro che del collaboratore a progetto.

A Cura di Pier Paolo Sposato,
Autore di “Capi non si Nasce”

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: