Le onde del pensiero: come fermarle (se è possibile)

Le “onde del pensiero” si manifestano ogni volta che vi sedete a meditare, per quanto siate carichi di buone intenzioni e armati di grande pazienza. La scena è sempre la solita: vi sedete nella vostra postura preferita, fate qualche esercizio preparatorio e iniziate la vostra pratica. Dopo qualche minuto vi rendete conto che state pensando a tutto fuori che all’oggetto della vostra meditazione.

I pensieri ammaliano. Sono così interessanti che subdolamente riescono ad attirare la nostra attenzione e a distoglierci dalla nostra disciplinatissima pratica. Esiste una soluzione? Possono le onde del pensierio cessare di disturbare il mare della nostra quiete meditativa? Ecco tre pratiche e veloci soluzioni al problema:

  1. La morte – Lo so, può sembrare un approccio un pò definitivo, e in effetti lo è. Non si tratta di una vera e propria soluzione, quanto meno che sia compatibile con la possibilità che voi stessi ne godiate i frutti. Ma è l’unica vera soluzione. Le onde del pensiero non cessano. Negli Yoga Sutra di Patanjali questo punto è sottilmente affermato, in quanto la cosiddetta “neutralizzazione” delle onde del pensiero non è altro che la capacità dello yogi di rimanere serenamente sull’oggetto della meditazione, in uno stato di quiete, senza che i pensieri riescano a distoglierlo dalla pratica. Una delle strategie per ottenere questo stato di pace è 
  2. Osservare – i pensieri possono essere osservati come oggetto stesso della vistra meditazione. Se si fanno insistenti, ignorarli potrebbe causarne un aumento dell’insolenza e delle richieste di attenzione. Per questo, provate a posare la vostra attenzione proprio sul pensiero che vi aggredisce, fissando la vostra concentrazione su di esso, studiandone con calma i vari aspetti, senza tentare in alcun modo di manipolarlo. Potreste rimanere stupiti nel vedere l’oggetto del pensiero che si dissolve nel niente, per lasciar posto alla quiete. Un’altra strategia è infine quella di 
  3. Lasciar andare –  Non si tratta di voltarsi dall’altra parte e far finta che il pensiero non esista, monitorandolo di continuo con la “coda dell’occhio”. L’atteggiamento che dovete tenere è diverso: accettatelo, lasciatelo lì dov’è. Lasciatevi “molestare” un pò e riportate l’attenzione sull’oggetto della meditazione, considerando il pensiero come naturalmente presente, come un dato di fatto, ma come qualcosa di poco importante. Come bizzosi bambini a caccia di attenzioni, se li ignorate, desisteranno. Magari dopo un pò di tempo, ma desisteranno.

Queste strategie (le ultime due direi, lasciate perdere la prima, almeno per il momento) funzionano. Abbate pazienza, ripetetele e praticatele fino a che non ne diventate completamente padroni. Provare per credere!

A cura di Enrico Nanni

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: