Foto Iniziale

Le idee che fanno la differenza

aziendeIn ambito aziendale ricorre spesso la seguente domanda: “Qual è il settore più importante, quello che determina un vantaggio competitivo strategico, sopratutto rispetto alla concorrenza?”. Per la verità, personalmente sono solito pensare che ogni aspetto, ogni settore dell’impresa, abbia la sua importanza, e così ritengo che, di volta in volta, per ogni singola realtà abbia più rilievo questo o quel settore.

E’ evidente, ad esempio, che una realtà imprenditoriale orientata al commercio, e che si ponga soprattutto nell’ottica di dover far fronte ad una concorrenza agguerrita, darà particolare rilievo alla funzione marketing, mentre un’azienda che si occupa di nuovi prodotti, tecnologicamente avanzati, darà sicuramente particolare importanza alla progettazione.

In molti casi, però, sono state soprattutto le nuove idee, a consentire alle imprese un particolare sviluppo, e spesso anche a battere la concorrenza più accanita.
Le nuove idee, infatti, possono intanto riguardare qualunque settore aziendale e, come tali, contribuire a risultati, di cui l’intera azienda si gioverà.

Se non ci fossero nuove idee, peraltro, tutto si inaridirebbe. I prodotti rimarrebbero destinati a passare alla fase di declino, senza altri che ne prendano il posto, ma anche i modi per distribuirli risulterebbero, col passare del tempo, inidonei rispetto alle esigenze della clientela.

Ma come nascono le idee, e come si riesce a realizzarle? Una delle tecniche più semplici, come indicato in un apposito capitolo di Progetto Azienda, è il Brainstorming, che consiste nel lasciare che, una volta definito un problema, le idee per affrontarlo fluiscano liberamente, senza ragionare, all’inizio, se si tratti di idee positive, o meno, e senza neppure inizialmente analizzare la relativa loro realizzabilità.

Senza questi filtri, ci si arricchirà di idee diverse, alcune valide, altre meno, altre ancora completamente da scartare. Il risultato sarà il seguente: rimarranno alcune buone idee, che potranno essere utilizzate nei diversi ambiti d’applicazione, e allora si passerà alla loro fase successiva, quella della loro realizzazione. Spesso, senza passare da questa fase di scarto di molte idee, anche quelle “buone” non nascerebbero.
 
Un chiaro esempio di tale procedimento è offerto proprio da Autostima.net, la quale sta, in questi ultimi tempi, realizzando molte interessanti idee, soprattutto in chiave d’immagine aziendale, ma anche organizzativa e di marketing.

Ad esempio l’idea del Club Autori Italiani, oltre ad essere concepita come scambio di ebook tra autori, ha poi assunto un rilievo strategico, innanzi tutto per promuovere l’immagine stessa dell’azienda e dei diversi autori.

Non si tratta, infatti, solo di uno scambio di ebook, ma anche di un’iniziativa, con un consistente ritorno d’immagine. Pensate, infatti, al rilievo d’immagine che assume un’azienda editrice, che si dimostra interessata alla crescita dei propri autori. Ovviamente, anche questi ultimi beneficiano di un’immagine positiva, entrando a far parte di una realtà, orientata verso la crescita culturale e lo scambio di idee e di contenuti.

Strumenti importanti, in tal senso, sono anche lo scambio di opinioni sul blog e gli articoli degli autori. Consideriamo l’ipotesi di realizzare una forma di abbonamento.

Cosa significa, questo? Molto semplice, soprattutto che anche libri già sul mercato continueranno ad essere richiesti, in quanto il sottoscrittore di un abbonamento, avendo comunque a disposizione un certo numero di ebook, certo non tralascerà di far rientrare anche ebook già da tempo editi, in quelli da acquistare, se fanno parte di quelli resi disponibili. L’ebook è, infatti, per lui comunque un’opera nuova, se non ancora acquistato, e da acquistare, in quanto parte del suo bonus d’abbonamento.

Per realizzare tutto ciò, si deve anche por mano a problemi connessi al diritto d’autore, problematiche realizzative, interventi di natura tecnica, per consentire l’acquisizione degli ebook, tramite abbonamento. Nonostante ciò, la Bruno Editore, con efficacia e determinazione, ha contribuito a rendere possibile l’idea, che certo si rivelerà vincente, anche in ottica di marketing.

Pensate però anche alla rivoluzione introdotta con un’altra straordinaria iniziativa: inserire un codice ISBN in tutti gli ebook; significa consentirne la commercializzazione anche off-line, cioè un business incentrato sull’on-line, si articola in una strategia di marketing, che consente anche la vendita presso librerie, esercizi commerciali, e via dicendo.

Il tutto magnificamente integrato da quella geniale idea, che è di rendere disponibili gli ebook con il logo di Autostima.net su penne USB, ad ulteriore rafforzamento delle strategie di marketing e di immagine.

In sintesi, tutti esempi di idee che fanno la differenza e che portano un’azienda a livelli altissimi.

A cura di Gian Piero Turletti
Autore di Progetto Azienda

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: