Foto Iniziale

Consulente con mandato d’agenzia o freelance?

Mi è stato chiesto tramite blog se è meglio una consulenza freelance oppure da qualcuno con mandato d’agenzia. Voglio subito mettere in chiaro che non esiste un consulente migliore dell’altro ma in entrambi i casi vi sono pro e contro.

Per primo vediamo il caso del consulente con mandato d’agenzia. Bisogna sapere che ogni compagnia assicuratrice e/o bancaria affida i suoi migliori prodotti ai propri agenti mentre quelli di secondo piano vengono dati ai circuiti esterni. Alcune addirittura danno l´esclusiva dei propri prodotti solo ai propri agenti. Questo tuttavia non accade sempre ma ci sono agenzie che avendo nelle proprie file pochi consulenti devono per forza affidare agli esterni tutti i prodotti in carniere.

Se mettiamo a disposizione di un promotore i prodotti sia di prima scelta che di seconda sarà ovvio che con i primi riuscirà a fornire performance migliori. Quindi si potrebbe dedurre che affidarsi al “monomandatario” dia per forza risultati migliori.

Nel caso del freelance, il consulente può scegliere fra centinaia di prodotti di marche differenti e, alla fine, può superare il problema del prodotto “super” grazie alla ampia scelta di prodotti finanziari a disposizione combinata con la minore restrittività operativa.

Inoltre bisogna sapere che i consulenti con mandato d’agenzia pur essendo professionisti iscritti agli stessi albi dei freelence (e che quindi hanno superato i medesimi esami e prove), spesso sono più affini a dei “piazzisti” che non a dei consulenti in quanto hanno più dimistichezza nel vendere che non nel consigliare in modo opportuno.

Ovviamente questo non vuole essere una generalizzazione ma vi ricordo che tradizionalmente le aziende retribuiscono i propri consulenti in modo provvigionale alla stipula del contratto ed è pertanto più facile che sopravviva alla lunga il bravo piazzista (che possiamo metaforicamente considerare come un motore turbo a benzina) rispetto ad un consulente puro che potrebbe mancare di carisma o nella capacità di “stringere” il cliente (in questo caso possiamo paragonare il consulente puro ad un motore turbo diesel vecchio stampo in quanto acquisisce i suoi clienti alla lunga e senza exploit di contratti nell’immediato).

Tendenzialmente diventano freelance i consulenti “puri” che si rispecchiano nella gestione a lungo termine del cliente (il nostro turbo diesel del paragone precedente).

In buona sostanza possiamo affermare che:

1) Se trovi un consulente bravo nella consulenza e che lavori per un agenzia assicurativa quotata è probabile che quest’ultimo ti darà alla lunga i risultati migliori. Di contro se ti affidi ad un agente non all’altezza potresti ritrovarti con una consulenza errata e conseguentemente guadagnare poco o peggio rimetterci.

2) Se vai da un libero professionista potresti avere quasi certamente a disposizione un consulente bravo ma che potrebbe dover utilizzare prodotti non di primo piano ed avere performance sotto dimensionate rispetto alle potenzialità che lui stesso avrebbe potuto ottenere con prodotti di prima scelta. Alcuni riescono ad ottenere performance considerevoli ma utilizzando spesso e volentieri prodotti con un rischio più elevato (senza ad esempio le coperture assicurative) con le ovvie conseguenze del caso.

3) Esiste anche la terza via, quella del promotore che simula la libera professione ma che in realtà ha solo a disposizioni diversi mandati di agenzie che non vogliono l’esclusiva. In questo caso si ritorna al punto 1.

Dovete trarre un vostro giudizio ricordando le considerazioni fatte sin qui ed all’opinione personale che vi fate quando parlate con i vari consulenti: in realtà non c’è una vera e propria possibilità di sapere a priori quale sarà il consulente migliore.

Esiste tuttavia un’altra possibilità che poi è uno dei motivi per i quali ho scritto il mio libro: farsi la consulenza da soli. In seguito cercate il prodotto adatto leggendo i prospetti informativi (che troverete facilmente in rete dalle varie agenzie) e, solo successivamente, andare dal consulente relativo al prodotto che più vi interessa. A quel punto con maggiori ragguagli potrete eventualmente stipulare il contratto consci di ciò che fate e di come funziona realmente il vostro “piano di battaglia”.

N.B: Visto che sto per trasferirmi a Londra potrei non rispondervi immediatamente sul blog o scrivere altri articolo per qualche tempo. Tuttavia scrivetemi se avete domande (chiaramente non a carattere urgente) in quanto vi risponderò più in là o direttamente o tramite articolo se sarà il caso.

Buoni guadagni a tutti!

A Cura di Patrizio Messina,
Autore di “Autoconsulenza Finanaziaria”

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: