Come trarre soddisfazione da un investimento in arte moderna e contemporanea

zucchelliLa prima domanda che un collezionista si deve porre è questa: perchè investire in arte? La risposta più ovvia sarebbe questa: perchè ho intenzione di guadagnarci. Il problema principale è che i  ricavi in arte sono difficili. Paragonato ad un investimento finanziario quello in arte può dare soltanto delle plusvalenze, mai degli interessi.

Lo stesso investimento azionario oltre a contemplare le plusvalenze (o minusvalenze, se va male) prevede nella maggior parte dei casi anche un tasso di interesse. Ciò accade quando le aziende quotate in borsa decidono di distribuire, di solito un volta l’anno, la cedola.

Gli investimenti obbligazionari distribuiscono interessi e in certi casi anche una plusvalenza data dall’aumento dei prezzi. Soltanto i titoli di Stato, che sono investimenti di tipo monetario, si limitano a remunerare i risparmiatori con un mero saggio di interesse, senza elargire plusvalenze. La plusvalenza si genera al momento in cui vendiamo qualcosa, sia essa un prodotto finanziario che un lavoro d’arte contemporanea. E’ quindi il guadagno generato dalla differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto.

In arte non esiste tasso di interesse, semmai un tasso di piacere che consiste nel poter ammirare un’opera nel salotto della propria casa. Non è evidentemente un vantaggio economico, sebbene possa promuovere il benessere della persona. Un titolo azionario non produce di per sé delle sensazioni positive che un bel quadro o un significativo lavoro artistico può invece suscitare. Si tratta di un guadagno non economico ma dello spirito.

Per questo motivo chi acquista oggi un’opera e la vende tra dieci anni allo stesso prezzo incrementato del tasso di inflazione, può dirsi contento. La plusvalenza è uguale a zero, ma almeno ha vissuto per dieci anni a contatto di un’opera di suo gradimento. Riepilogando: il valore totale di un investimento=plusvalenza finanziaria + beneficio estetico.

A cura di Federico Zucchelli

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: