Foto Iniziale

Come stai? Impara a gestire il dolore a partire dal presente

Per Fortuna Vivere e' DifficileLa canzone di Silvestri e Fabi intitolata “Sornione” dice: “A domandarti come stai/si corre sempre un certo rischio./ Il rischio che risponderai/ e questo normalmente sai/ non è previsto!”.

Appunto: come stai? Adesso, proprio mentre leggi queste parole, la tua vita contiene una miscela di ingredienti non facilmente distinguibili nel sapore complessivo che assumono tutti insieme. Non tutto dolce, né tutto amaro. Di cosa sa ora la tua vita? Se provi a rileggere queste stesse righe più tardi, quasi certamente definirai il tuo stato in maniera differente. Il nostro modo di sentire muta non solo e non tanto in relazione agli eventi reali, ma soprattutto in base a come li cuciniamo nella nostra mente.

Quello del dolore è un tema che a prima vista a chiunque sembra “pesante”. Eppure ci riguarda tutti, perchè tutti ci confrontiamo (quotidianamente) con l’esperienza del (piccolo o grande) dolore. E cosa facciamo? Lo cataloghiamo come esperienza sgradevole e quindi da bravi ipocriti facciamo finta che non ci sia, oppure ci lasciamo avvolgere dalle sue spire letali e trascinare verso il basso.

Imparare a gestire il dolore significa innanzitutto non negarlo e saperne riconoscere i confini. Dove comincia? Dove termina? Per cosa soffro realmente? E poi cosa vuol dire “soffro”, per me, in questo preciso istante? Siamo abituati ad applicare giudizi ed etichette a ogni cosa: nella nostra testa ci diciamo di continuo che questo è bello, questo è brutto, questo è giusto, questo è sbagliato, blablabla. L’atteggiamento più utile per disinnescare il dolore alla radice è invece una sorta di “attenzione non giudicante al momento presente”, cioè un modo di applicare la nostra attenzione che rinuncia volontariamente a etichettare subito le cose che ci capitano.

Naturalmente è una questione di allenamento, come quando ci si accosta per la prima volta a uno sport. Ed è anche una questione di pratica: sapere come funziona non basta, occorre “fare”. Pochi minuti al giorni investiti in esercizi di attenzione al respiro e al momento presente – una pratica tecnicamente definita mindfulness – servono a imparare ad accogliere la realtà senza filtri, così come è nel momento in cui è.

Gli effetti sono di varia natura:

1) Impariamo a riconoscere il funzionamento e il contenuto della nostra mente per ciò che è, attribuendo alle emozioni il ruolo di emozioni, così come ai pensieri quello di pensieri e alle sensazioni provenienti dal corpo quello appunto di sensazioni fisiche. Senza confondere gli ambiti e i livelli.

2) Scopriamo come aprirci al mondo dell’esperienza del dolore individuando con precisione l’origine della sofferenza e minimizzando le sovrastrutture che ne ingigantiscono la percezione.

3) Poiché quando pensiamo lacrimosi al nostro passato stiamo usando la mente nel presente, e quando siamo ansiosi per il futuro è sempre nel presente che ci struggiamo, ricominciando a occuparci del presente ci riavviciniamo alla possibilità di agire in modo efficace nell’unico momento che realmente ci appartiene: ora.

Vuoi approfondire e avere un percorso completo?
Per Fortuna Vivere e’ Difficile
Affrontare il Dolore con Consapevolezza e Distacco per Trasformarlo in Occasione di Crescita

Per Fortuna Vivere e' Difficile

A cura di Alessandro Calderoni

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: