Foto Iniziale

Come sfruttare il pendolo emozionale

Massimo Di RenzoAvete mai fatto caso che durante la nostra vita ci insegnano tutto meno che a gestire le nostre emozioni? Questa è una gravissima carenza psicologica perché non riuscire a gestire in maniera corretta le nostre emozioni influenza in maniera decisiva tutta la nostra vita.

Facciamo un piccolo esperimento? Pensa a tutte le emozioni che hai vissuto nell’ultima settimana. Quante te ne vengono in mente? In genere una persona difficilmente arriva a 10. Ma ti sembra possibile? Se ci pensi bene probabilmente 10 emozioni sono quelle che avete provato nell’ultima ora. Figuriamoci quante ne proviamo in una settimana.

Vi presento il SEGRETO n. 3 tratto dal mio ebook Le 7 Regole della Felicità: nessuno ci ha mai insegnato a riconoscere e a vivere le nostre emozioni, soprattutto quelle positive.

Mentre riusciamo a parlare facilmente degli stati d’animo negativi, se non altro per cercare la solidarietà degli altri, le emozioni positive rimangono nascoste, come se ci vergognassimo di essere felici o innamorati. Le emozioni sono tantissime, tutte diverse e dalle mille sfumature. Imparare a gestirle ci fa diventare più forti, più consapevoli, più completi.

Provate a pensare al nostro stato emotivo come ad un pendolo. Da un lato abbiamo le sensazioni positive, dall’altro quelle negative. Se il pendolo oscilla molto abbiamo la possibilità di provare sensazioni molto intense, grandi amori, estrema felicità ma anche grandi delusioni. Questo però fa paura e le persone pur di non soffrire si privano anche delle grandi gioie della vita. Avete mai sentito qualcuno dire “non ci sperare troppo così poi non ci resti male”? Bene, questo modo di pensare è il primo grande ostacolo che troviamo sulla strada della nostra felicità.

Lascia oscillare il pendolo, d’altronde un grande del nostro tempo diceva: “Non c’é speranza senza paura, né paura senza speranza”, Carol Wojtyla – Pontefice.

Avere il coraggio di affrontare le tante emozioni esistenti può permetterci di scegliere quelle a noi più consone rendendoci delle persone più serene. Si capisce quindi facilmente come sia importante ascoltare le proprie emozioni, seguirle e gestirle a nostro vantaggio. Chi possiede le tecniche per gestire le proprie emozioni il potere di gestire e dominare la grande forza che scaturisce dalle nostre emozioni.

SEGRETO n. 4: non bisogna aver paura di provare emozioni intense. Non si potrà mai essere felici se non si prova anche il dolore.

Che ci credi o no tu sei in grado di fare cose incredibili. Ricordi quando sei stato innamorato? Ricordi la determinazione, la voglia di agire che avevi dentro? Non sarebbe bello essere in grado di usare quella enorme forza ogni volta che serve? Sappi che questo è possibile, basta imparare a gestire le emozioni e a condizionarle con la volontà. Attraverso la conoscenza dello teoriche e degli esercizi si arriva ad acquisire la capacità di utilizzare al massimo le potenzialità del nostro cervello e rafforzare il carattere.

SEGRETO n. 5: riuscire a controllare le proprie emozioni significa avere in mano le leve per indirizzare al meglio la nostra vita.

A cura di Massimo Di Renzo
Autore di Le 7 Regole della Felicità e Poker Vincente

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: