Foto Iniziale

Come scoprire di saper disegnare anche quando si è convinti di essere negati

Guglielmo Piola

Quanti di voi, scoraggiati dalle difficoltà, hanno rinunciato al piacere di disegnare, convinti di essere del tutto negati?  Direi la stragrande maggioranza.

Stava capitando anche a me, deluso dalla cattiva qualità dei miei lavori e dalla difficoltà di capire perché non mi riusciva di riportare sulla carta ciò che mi suggeriva l’ispirazione attraverso i miei occhi.

Non che l’umanità sarebbe stata privata dell’opera di un grande artista (nessun museo ospita né mai ospiterà miei lavori); ma certamente, se non avessi insistito, a me personalmente sarebbe mancato quello che oggi posso definire: “il piacere del disegnare”.

Ostinato nel voler scoprire cosa ostacolasse la decente riuscita di un mio disegno, fosse una natura morta o un paesaggio o, peggio ancora, un ritratto, mi sono documentato ed ho finalmente scoperto le due strategie vincenti.

La prima, la più elementare, è che senza talune cognizioni tecniche mi riusciva impossibile dare al disegno non tanto uno stile, quanto almeno una logica delle proporzioni, delle luci, delle prospettive, cioè una qualità che fosse accettabile per me e presentabile agli altri.

La seconda, assai sorprendente, è stata scoprire che il più tenace ostacolo alla mia creatività risiedeva proprio nel mio stesso cervello, e più precisamente nella parte sinistra del mio emisfero cerebrale.

E’ ormai accertato da approfonditi studi psicologici e sperimentazioni pratiche, che il talento creativo, quello che la natura insedia nella parte destra del cervello, è fortemente condizionato ed inibito dalla parte sinistra, che lo sovrasta in quanto è razionale e pragmatica.

Scorrendo vari capitoli del mio Manuale di disegno, scoprirete come, per liberare queste energie creative, sia necessario “ingannare” la parte sinistra, attraverso alcuni trucchi ed espedienti.

E siccome quando affronto questo argomento so di suscitare molte perplessità nei miei interlocutori, ho inserito degli esempi nel manuale e suggerisco dei divertenti e sorprendenti esercizi pratici.

Quando li avrete praticati, sarete infatti sorpresi nello scoprire come, ingannata la parte sinistra ed in tal modo liberata la creatività della destra, per incanto il soggetto che prima tentavate invano di riprodurre, finalmente prenderà forma e sarà fedele e somigliante all’originale.

Ed infine giungerete a riscoprire quel piacere di disegnare che avevate da bambini e che con la maturità credevate di avere perso per strada.

Mi piace pensare che, dopo aver seguito il mio manuale, nelle vostre prossime vacanze affiancherete alla macchina fotografica un piccolo album di fogli da disegno e, come i gentiluomini fra il 700 e l’800, riporterete a casa il ricordo disegnato di paesaggi e monumenti.

A cura di Guglielmo Piola

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: