Foto Iniziale

Come riscoprire la natura femminile

Le donne in carriera, le donne in politica, in diplomazia, ma anche le semplici impiegate di banca, le trovo tutte aggressive e di modi sgradevoli. Non sopporto più i loro comportamenti arroganti, la mancanza di rispetto. Mi sembra che le donne italiane abbiano perso femminilità. Sono diventate dei maschiacci”.

A pronunciare queste parole rilasciate durante un’intervista al settimanale “A” è Lila Castellaneta, moglie dell’ambasciatore Gianni Castellaneta, nata a Teheran e arrivata in Italia dopo l’arrivo di Komheini.

È molto più facile per una straniera cogliere vizi e virtù del Bel Paese che la ospita ormai da anni. È una donna di classe che, con molta eleganza, non maschera il sincero rammarico per la perdita di femminilità, educazione e bon ton che nota attorno a sé.

E se si pensa che frequenta salotti buoni e ambasciate, si può constatare dove siamo arrivate senza forse rendercene conto.

Ovviamente il suo punto di vista si può ridimensionare tenendo conto del ruolo che riveste, ma se vi capita di guardare a tarda notte qualche vecchio programma televisivo e lo confrontate con un qualsiasi attuale programma politico o di intrattenimento, vi renderete subito conto di quanto siano aumentati i toni, il volume e gli improperi.

E non sto parlando di Sgarbi o Platinette che sui loro isterismi hanno costruito “personaggi” di successo, ma delle “sciure” del pubblico pomeridiano e delle donne impegnate in politica che talvolta lasciano negli armadi i rigorosi tailleurs maschili e, vestite e truccate da vere vamp, eccedono nei toni e nelle maniere.

Conquistare posti di potere e visibilità è costato sicuramente molto e dalle piazze dove si rivendicavano diritti sacrosanti si è portata l’aggressività in qualsiasi ambiente come se fosse un passepartout per ottenere ascolto e rispetto.

Ma la vera forza della donna non è quella di ostentare e starnazzare perché, come prosegue la signora Lila: “Purtroppo le donne hanno rinunciato al loro charme: hanno imboccato la strada della competizione con l’uomo. Per la smania di sentirsi alla pari si sono inasprite.

Non hanno più grazia. La loro femminilità è svanita. Una perdita enorme, perché la donna con la sua dolcezza, con un gesto, uno sguardo, un linguaggio sereno può risolvere tanti problemi, può allentate tante tensioni. Tutto questo è stato buttato all’aria”.

La signora dell’Ambasciata consiglia addirittura una scuola di buone maniere, sull’arte di vivere e di comportarsi in società.

Non è necessario insegnare alle bambine l’uncinetto e il punto croce e neppure avere nella libreria “L’enciclopedia della donna”, basterebbe riconoscere e non rinnegare la propria natura femminile unita ad una sana e moderna educazione del rispetto e nel rispetto.

Occupare posti di potere e prestigio e integrare le qualità maschili di forza e coraggio non significa urlare e offendere: si può usare la “grazia” anche per comandare.

A cura di  Stefania Carnevali
Autrice di Piacersi per Piacere

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: