Come modificare il comportamento

Quantum Freedom - https://www.autostima.net/media/authors/29.jpgPerché gli etologi studiano il comportamento animale? Studiano le leggi che regolano il rinforzo, lo stimolo risposta per capire come funzionano gli esseri umani. Perché studiano il comportamento di un piccione per capire me? Per dare una spiegazione a quello che faccio e al perché lo faccio. Usiamo talmente spesso aree tanto preistoriche che basta studiare un piccione per capire che cosa farà la gente quando non usa il pensiero cognitivo. Mi basta studiare un piccione per capire gran parte del comportamento umano. Stimolo/risposta/motivazione sono di pertinenza del cervello primario, quello emotivo. Se mi trovo in uno stato di continuo stress, uso quella parte di cervello deputata alla sopravvivenza e non evolvo, più mi proteggo meno cresco. Non uso le attività cognitive superiori.

La parte della neocorteccia è tutta da cablare, ecco perché poi diciamo che usiamo il cervello in percentuale minima. Il cambiamento va costruito. Se analizziamo il cervello come una sovrapposizione di tre parti, vediamo che la formazione reticolare ha il controllo su tutto quello che c’è sopra. L’ufficio centrale è rappresentato dal sistema limbico che deve sapere tutto quello che passa per il corpo e deve accettarlo. Al secondo piano c’è il cervello neocorticale, esteso per aree. Mentre il cervello emotivo dei mammiferi è unico, la neocorteccia è divisa in due emisferi, destro e sinistro. C’è un’altra divisione che provoca ulteriori dinamiche conflittuali. L’informazione è palleggiata destra/sinistra, sotto/sopra. L’informazione è scansionata da ciascuna parte secondo il proprio punto di vista. Diventa problematico metterle insieme ed è questa la fase in cui entriamo in confusione.

La parte del cervello che c’interessa è proprio la neocorteccia perché l’altra è già cablata, questa invece la possiamo modificare, direi quasi educare. Il modello ce lo costruiamo noi. Serve allora un meccanismo per agire sul modello e, di conseguenza, cambiare la realtà. Tutte le parti del cervello sono separate, e ognuna di esse ha una funzione specifica. Il lobo frontale è la zona più evoluta. La neocorteccia ha a che fare con l’analisi più sofisticata delle informazioni. Quando le informazioni arrivano in quest’area, però, sono già filtrate, e solo una piccola parte di esse vi arriverà: in fondo è questo il motivo per il quale il modello non potrà essere mai la realtà. Ciò che vi arriva realmente è condizionato sia dai filtri (esperienze del passato ed emozioni) sia dal modello di appartenenza. I sistemi sensoriali stessi sono influenzati dal modello del passato: così, quello che vedrai sarà quello che hai già visto, sperimentato, ciò che vivrai sarà ciò che hai già vissuto in precedenza. E allora, come se ne esce? QUANTUN FREEDOM ve ne darà la risposta.

a cura di Alberto Lori

Vuoi saperne di più? Scarica l’ebook completo: Quantum Freedom

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: