Foto Iniziale

Come mettere fine ad un’amicizia in armonia

https://www.autostima.net/partner/autori.php?aut=191

Ho sempre pensato che la fine di un’amicizia sia paragonabile alla fine di una storia d’amore: scelta da uno per lo più, subita dall’altro, è sempre un evento doloroso, che passa attraverso una serie di sentimenti diversi: collera, odio, depressione, risentimento.  Chi viene deluso, ferito o tradito da un amico vive l’accaduto come una deriva personale, perché vede fallire un legame nel quale aveva investito emotivamente, in cui credeva e che magari durava da tempo.

Un elemento essenziale per non essere troppo vittime dell’evento è la comunicazione, che permette di dare un senso a quello che si sta vivendo. L’ideale, insomma, sarebbe parlare con l’amico che sta diventando sempre più ex. Ma se questi si chiude nel silenzio e rifiuta di incontrarci, non bisogna esitare a confidarsi: con altri amici, con i familiari, con qualcuno che ha già vissuto l’esperienza, per iniziare ad acquisire un certo distacco e darne una spiegazione logica.
Strano ma vero, riuscirà a vivere meglio questa rottura quella persona che nell’infanzia è riuscita a separarsi dal legame fusionale con la madre in modo fiducioso, imparando le strategie di separazione positive. Di conseguenza, quando si accorgerà che un’amicizia non funziona più, ne prenderà atto senza sminuirsi, poiché valuterà se stessa come persona indipendente e autosufficiente.
Le ostilità che continuano nel tempo, indicano invece la difficoltà a recidere del tutto il rapporto, e ciò rivela un legame di dipendenza. Prima o poi bisogna infatti perdonare, anche se è difficilissimo e ci vuole tempo, perché l’altro magari è stato una carogna nei nostri confronti. Si tratta però dell’unico modo per rendergli quello che gli appartiene, liberandosi dal rancore o dal desiderio di vendetta che trattengono il dolore e il legame.
Questo perché la reazione peggiore, dopo aver tagliato i ponti con un amico, è proprio quella di colpevolizzarsi, cadendo in una crisi di autosvalutazione.
Bisogna invece accettare l’idea del cambiamento
come una prova del fuoco, che ci afferra e ci trasforma, mettendoci su un nuovo cammino, più conforme a quello che siamo in profondità.
Un’occasione per avviare un processo di maturazione personale, costruito sulla fiducia in sé, uscendo dall’idea della colpa e della colpevolezza, per entrare in quella di esperienza condivisa. Che si è conclusa per lasciare spazio ad altre nuove esperienze, invitandoci comunque a dimenticare la sconfitta.
Ma non la lezione che ci è stata impartita.

A cura di Marina Roveda
Autrice di “Le Regole dell’Amicizia”

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: