Come le banche valutano le richieste di finanziamento

Foto Iniziale

La fase istruttoria è la parte più delicata e importante di una richiesta di finanziamento, da essa dipende l’esito negativo o positivo della richiesta.

Con la fase istruttoria gli Istituti di Credito adottano alcuni criteri che aiutano a stabilire la finanziabilità o meno del potenziale cliente, nonché la valutazione del rischio dell’operazione di prestito, anche se occorre in ogni caso precisare che i singoli criteri non vengono valutati uniformemente dagli istituti di credito.

Questi criteri possono essere così riassunti:
Politica di rischio;
– Livello di reddito;
Affidabilità creditizia.

Cos’è la politica di rischio? Ogni Istituto di Credito applica una propria politica di rischio nella valutazione delle richieste, basandosi sui dati statistici (cosiddetto credit scoring).

Attraverso questa procedura si associa un valore alla storia personale e creditizia del cliente che chiede il finanziamento; alle informazioni così ottenute viene assegnato un punteggio, il cui valore finale dà appunto il credit scoring, che esprime l’affidabilità stimata del richiedente il finanziamento.

E’ del tutto evidente che tali dati costituiscono lo strumento che consente all’Istituto di Credito di mantenere le insolvenze al di sotto di un determinato livello.

Pertanto, nel caso in cui per la prima volta ci si rivolge a una banca o una finanziaria è consigliabile integrare la propria documentazione finanziaria con quella di un garante (meglio se scelto tra i propri familiari), anche se quest’ultimo ha già in corso altri prestiti, purchè siano stati onorati regolarmente.

Solo così si potrà essere quasi certi dell’approvazione della propria richiesta di finanziamento.

Gli altri due criteri che le banche o le finanziare autorizzate ad erogare il credito valutano in sede di istruttoria sono: il livello di reddito e l’affidabilità creditizia: ma vediamo in particolare a cosa essi corrispondono.

Cos’è il livello di redditoL’accettazione delle richieste di prestito personale è normalmente subordinata anche alla valutazione del livello di reddito del richiedente e al rapporto tra quest’ultimo e l’eventuale rata di rimborso, cosiddetto rapporto rata/reddito.

Cos’è l’affidabilità creditizia? Infine, grande importanza riveste l’affidabilità creditizia del richiedente. Gli Istituti di Credito valutano il livello di rischio connesso a ciascuna richiesta anche sulla base dei rapporti di credito forniti dalle Centrali Rischi (Crif, CTC ecc.).

Se la storia creditizia del richiedente presenta ritardi nei rimborsi di precedenti finanziamenti, oppure insoluti, pignoramenti, protesti, allora la probabilità che la richiesta venga accettata è praticamente nulla.

A cura di Roberto Borzellino
Autore di Dal prestito personale alle carte di credito

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: