Come l’interesse composto batte l’interesse semplice

ivan-maurizziTutti noi, quando abbiamo a che fare con la sottoscrizione di prodotti finanziari, siamo soliti fare una domanda a chi ci propone l’ investimento: “Se io ti do X ora, alla fine quanto mi ridate?”. Quando si effettuano investimenti semplici come: BOT, Pronti contro termine, conti deposito, la risposta è semplice perché il corrispettivo a scadenza è scritto nel contratto ed è semplice calcolarlo, basta ricorrere alla formula dell’ interesse semplice:

M = C x (1+ni)

Dove M è il montante finale, C è il capitale investito, “i” il tasso d’interesse dell’ intera operazione ed “n” è la durata dell’investimento. Se investiamo C=10.000€ per un anno al tasso i=5% alla fine dell’ anno avremo M=10.500€. Se investissimo per 10 anni sempre allo stesso tasso i del 5% i 10.000€ di prima, otterremo 500€ all’ anno per 10 anni per un totale di 5.000€ al termine dell’ intero periodo. Non male, ma si può far meglio.

Se nell’ arco dei 10 anni di prima, investissimo i 10.000€ con l’ aggiunta degli interessi che ogni anno vengono maturati, otterremo un risultato straordinario. Utilizzando la formula dell’ interesse composto:

M =  C x (1+i)n

Come vedete gli ingredienti sono gli stessi, ma la ricetta cambia. Come in cucina, date a me degli ingredienti e vi faccio un piatto decente, dateli ad un grande chef e vi regalerà una grande esperienza culinaria. Torniamo a noi, facendo un parallelo tra le due formule. Il primo anno il guadagno è lo stesso (cioè 500€), ma già dal secondo anno le cose cominciano a cambiare perché, a fronte dei 500€ incassati (per un totale di 1000€) con la legge dell’ interesse semplice, con la legge dell’ interesse composto portiamo a casa un totale in due anni di ben 1025€. Arrivando al termine dei 10 anni avremo un risultato globale di 5000€ nel primo caso, contro ben 6288.95€ nel secondo, cioè oltre 1288€ in più solo grazie al fatto di aver differito il momento in cui avremo raccolto i frutti che i nostri soldi ci avrebbero dato.

Quindi tenete bene a mente questi tre elementi:

  1. L’ interesse composto, a parità di altre condizioni, fornisce risultati sempre migliori, o al più uguali, a quelli offerti dall’ interesse semplice.
  2. Se dobbiamo spostare un flusso di cassa in avanti nel tempo facciamolo sempre capitalizzandolo altrimenti potrebbe non valerne la pena.
  3. Un euro oggi, vale molto di più di un euro tra un anno ed ancora di più di uno fra dieci anni, per invertire questa tendenza basta investire con la legge dell’ interesse composto con tasso almeno superiore all’inflazione.

A cura del Dott. Ivan Maurizzi

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: