Come guadagnare sfruttando i domini che non utilizziamo

Foto Iniziale

Se avete dei nomi a dominio inutilizzati, che avete registrato per svilupparci dei siti o per rivenderli, mentre non li utilizzate potrebbe essere una buona idea metterli in parking, così da monetizzarne l’eventuale traffico.

Forse vi sarà capitato navigando in rete di trovare siti composti da un’unica pagina contenete solo messaggi pubblicitari: nella maggior parte dei casi è perché quel dominio è stato messo in parcheggio, magari in seguito alla chiusura del sito o alla scadenza della registrazione del nome.

Il domain parking è un ottimo modo per monetizzare il traffico di un dominio internet: spesso viene usato in attesa di trovare un compratore per quel dominio, così da ammortizzare le spese di registrazione e rinnovo dello stesso, ma nel tempo alcune aziende e professionisti si sono specializzati nella ricerca e registrazione di domini che sviluppano traffico, in particolare il cosiddetto traffico naturale, particolarmente adatto ad essere monetizzato proprio tramite il domain parking.

Un dominio in parcheggio infatti si differenzia da un sito web. E’ generalmente vietato linkare o promuovere un dominio in parking, pena l’esclusione dal servizio, le uniche visite che sono consentite su un dominio in questa situazione sono quelle “naturali” ovvero arrivate spontaneamente e non tramite nuovi link o altri interventi promozionali.

Quindi, se il dominio che avete registrato e parcheggiato ospitava in passato un sito popolare, sicuramente in rete ci sono ancora dei link che vi porteranno visite. Verosimilmente, una buona percentuale di queste si produrrà in un click sulla pubblicità, che è l’unico contenuto di un dominio in parking, perciò vi faranno guadagnare.

Altra tipologia di domini molto adatti al domain parking sono i cosiddetti type in, ovvero domini caratterizzati da nomi molto comuni, da termini generici che spesso possono essere digitati direttamente, in particolare dai navigatori meno esperti, nella barra degli indirizzi del browser.

Per questo il valore dei type in è generalmente piuttosto elevato. In generale, se un dominio, indipendentemente dal suo nome sviluppa guadagni da parking, diventa appetibile per chi investe in questo mercato e potrete quindi rivenderlo con un buon margine di guadagno. Naturalmente sta a voi scegliere se tenerlo e guadagnare una rendita tramite il parking o venderlo ed incassare subito.

Se volete approfondire la questione e mettere in parcheggio dei domini che non state utilizzando, magari in attesa di svilupparci un sito web, vi consiglio di visitare Sedo.it, uno dei maggiori mercati virtuali di siti e domini che, tra i tanti servizi offerti, permette di parcheggiare i vostri domini.

Quando vi sarete iscritti gratuitamente e accederete all’area dedicata troverete tutte le indicazioni per impostare i DNS dei vostri domini e puntarli sulle pagine di parking di Sedo, operazione che potrete fare, se preferite, anche con un comune redirect.
Altra realtà molto valida per il domain parking è rappresentata dal sito namedrive.com, con cui personalmente ho ottenuto buoni guadagni.

Lasciate un commento!

A cura di Lorenzo Renzulli
Autore di Guadagnare con i Nomi a Dominio

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: