Foto Iniziale

Come comprendere piani aziendali e strategie d’impresa. Seconda parte. Il caso Alitalia.

Abbiamo introdotto, la volta precedente, il tema dei piani e delle strategie aziendali.
Passiamo ora a considerare l’esempio rappresentato dall’Alitalia.
Per la verità, i due piani alternativi, presentati prima da Air France e poi da Cai, per la ristrutturazione della società in crisi, avrebbero dovuto rappresentare documenti riservati, almeno durante la fase di preparazione dei medesimi, ma almeno le linee essenziali sono poi state diffuse.
Possiamo quindi considerare taluni aspetti, che hanno un impatto anche per l’Italia come paese e sistema economico.

Quale sarebbe stata la politica di Air France?
Già in un esemplare editoriale di qualche tempo fa, il direttore del settimanale MF Milano Finanza, Paolo Panerai, raccontava, con qualche dovizia di particolari, le peripezie incontrate da alcuni suoi conoscenti, nel ritornare in Italia utilizzando la linea dell’Air France. Questa fece scalo prima a Parigi, ed i malcapitati dovettero affrontare diverse corse ad ostacoli, per poi riuscire a prendere in tempo il successivo aereo per l’Italia.

La politica di Air France, in effetti, sarebbe stata quella di “regionalizzare” l’Alitalia. Sarebbe rimasto il marchio, ma la società avrebbe cessato di esistere come compagnia di bandiera. Molti voli da e per l’Italia, nel piano aziendale della compagnia transalpina, non sarebbero stati diretti, ma avrebbero fatto tappe intermedie sul suolo francese.

Per altro verso, tuttavia, a differenza del piano Cai, con Air France non si pensava alla costituzione di una bad company, ma i debiti sarebbero stati assorbiti…
Invece, appunto, la regionalizzazione certo non entrava, per ovvi motivi, nel piano CAI, ma a fronte di un sostegno come quello costituito dalla bad company.

A prima vista, o meglio, ad una disamina non sufficientemente accorta della questione, poteva parere migliore l’ipotesi Air France:
– nessun onere per il cittadino
– compagnia comunque già esperta del settore….

Ma…vediamo anche quali sarebbero state alcune possibili conseguenze negative di una tale politica. Il fatto di regionalizzare la compagnia italiana, in realtà, non sarebbe stato senza conseguenze per uno dei settori trainanti del nostro sistema economico, il turismo. Questo, per l’evidente motivo che, certo, una componente del turismo proveniente dall’estero avrebbe preferito mete alternative, a fronte dei disagi conseguenti alla regionalizzazione. Di conseguenza, ne sarebbe derivato un danno al nostro sistema economico, ma anche alle entrate dello stato, a fronte del relativo minor gettito fiscale del settore turistico e del relativo indotto. In tal senso, si calcola che le minori entrate fiscali avrebbero raggiunto dimensioni decisamente superiori agli oneri per la collettività, invece conseguenti al piano Cai.
§
Riassumendo, quindi, nell’ipotesi di Air France vi sarebbe comunque stato un danno per il bilancio dello stato, ma anche un danno al sistema economico.

Concludo, osservando come quindi anche l’esempio considerato dimostra che piani diversi e strategie diverse possono differentemente impattare la realtà aziendale, ma anche quella del sistema economico di riferimento.

A cura di Gian Piero Turletti
Autore di “Progetto azienda”

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: