Foto Iniziale

Come individuare i fattori di successo e insuccesso dell’impresa

Egidio SidotiLa professione dell’imprenditore è bella perché è libera, nel senso che non deve sottostare a schemi fissi, a regole predeterminate. Nel rispetto delle leggi e dei principi di fondo, l’imprenditore può infatti cavalcare a briglia sciolta il proprio estro, la propria fantasia creatrice.

Ma se vuole avere successo, cioè se vuole raggiungere quello che è lo scopo primario, vitale e insopprimibile, di ogni impresa: creare ricchezza (profitti e liquidità), egli deve tenere certi comportamenti, piuttosto che altri. Come si sa, non esistono ricette o formule, più o meno magiche, utili a questo scopo.

Comunque, si possono indicare alcuni tratti comuni alle nuove imprese che hanno avuto successo o insuccesso. In questo articolo spiegherò in modo dettagliato i fattori di successo dell’impresa.

Fattori di successo dell’impresa:
– Orientamento al mercato
– Specializzazione
– Plus
– Professionalità e managerialità
– Controllo di gestione
– Risparmio.

Fattori di insuccesso dell’impresa:
– Attendismo
– Forzatura
– Speculazione
– Squilibrio finanziario.

Orientamento al mercato: L’imprenditore consapevole che il suo vero patrimonio è la clientela sarà certamente votato al mercato, vale a dire aperto alle istanze e sensibile ad ogni minimo mutamento del mercato, attento a mettere sempre a fuoco i bisogni dei clienti e a combinare in modo innovativo competenze e risorse per offrire un prodotto-servizio al passo coi tempi e sempre più confacente alle aspettative del particolare segmento del mercato cui si rivolge. E’ chiaro che l’imprenditore orientato al mercato avrà senz’altro maggiori possibilità di riuscita dell’imprenditore che è invece rivolto alla fabbrica.

Specializzazione: L’imprenditore che, oltre a essere orientato al mercato, possiede in più tecnologie nuove e specifiche da mettere a disposizione del particolare mercato in cui agisce, ha indubbiamente un ulteriore carta vincente tra le carte da giocare.

Plus: ma anche la specializzazione può non essere di per sé sufficiente per vincere la partita; per far sì che i clienti, a parità di altre condizioni oggettive (prodotto, prezzo ecc.) preferiscano acquistare da noi anziché dalla concorrenza, occorre dare qualcosa di più rispetto agli altri.

A volte un sorriso, un fiore a una signora, un semplice gesto di simpatia e di considerazione possono costituire l’atout vincente, ma assai spesso occorre donare più di una rosa, è necessario offrire un migliore servizio al cliente, un’assistenza più accurata e personalizzata.

Professionalità e managerialità: L’improvvisazione, l’intuito, il dilettantismo, la superficialità ecc., alla lunga non pagano. I clienti, sempre più smaliziati ed evoluti esigono venditori a loro volta ben preparati professionalmente; la gestione delle aziende, sempre più complessa e tecnica, richiede amministratori competenti.

Controllo di gestione: Non basta saper gestire un’azienda, occorre saperne controllare l’andamento e i risultati, sul piano economico-finanziario-patrimoniale, utilizzando sistemi e strumenti di controllo razionali e coerenti con il tipo, l’attività e le dimensioni dell’impresa stessa.

Risparmio: Quasi sempre, il segreto del successo delle imprese sta nella riduzione dei costi fissi: abbattere sensibilmente le spese di struttura, i costi che corrono indipendentemente dai volumi di produzione/vendita, consente di realizzare risparmi certamente vantaggiosi per l’azienda.

Sfruttare economie di scala con la realizzazione di innovazioni nelle tecnologie di processo, comporta riduzione dei costi unitari di produzione ; recuperare e utilizzare risorse produttive non adeguatamente sfruttate, acquistare materiali o merci a prezzi inferiori a quelli normalmente praticati dai fornitori, pongono l’impresa in una posizione d’indubbio vantaggio rispetto ai concorrenti.

A cura di Egidio Sidoti
Autore di Imprenditori di Successo

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: