Come fare marketing su Youtube: gli errori più comuni

maria-eleonora-pisuFare marketing su Youtube è inevitabile: cosa c’è di meglio di una vetrina con oltre un miliardo di utenti al mese per uscire dall’anonimato? In questo articolo, tuttavia, non ci soffermeremo sulle tecniche di implementazione di una campagna di marketing, quanto sugli errori più comuni, quelli che possono compromettere il successo del nostro video virale.

La nostra campagna è un fiasco? Ecco dove abbiamo sbagliato.

  • Postare video inutili

Non postate video che non servono a niente, nemmeno a farsi una risata. Su Youtube non ha successo la classica pubblicità che va in onda in televisione. Il video deve mantenere incollato allo schermo il telespettatore, il quale dopo averlo visto deve sentire l’esigenza di condividerlo per i motivi di cui abbiamo parlato nei paragrafi precedenti.

  • Aspettare

È inutile aspettare che il buzz nasca sotto i cavoli. Occorre darsi da fare, condividere, invitare, contattare, commentare, riempire di contenuti e parole chiave: Youtube è un social network, non un’affissione pubblicitaria sull’autostrada.

  • Non focalizzare il target

Chi sbaglia il target ha sbagliato tutto. Chiediamoci sempre quali sono i social frequentati dal nostro target e cerchiamo di farci trovare direttamente dai suoi esponenti con le giuste parole chiave.

  • Essere per forza low cost

Il marketing online costa meno di quello sui media tradizionali, siamo d’accordo. Ma questo non significa che non dobbiamo spendere una lira! Se vogliamo realizzare un prodotto di qualità dobbiamo avvalerci degli strumenti giusti, che molto spesso hanno un prezzo. Il nostro video si rivolge al target rispettando i codici del suo linguaggio? Il contenuto del filmato stimola la condivisione? Abbiamo individuato le corrette parole chiave per migliorare l’indicizzazione del video raggiungendo il pubblico desiderato?

Tra i video virali che hanno avuto successo in questi anni potremmo citare “A Dramatic Surprise on a Quiet Square”, un celebre video del canale televisivo TNT. Al centro di una piazza quasi dormiente gli ignari passanti si imbattono in un appariscente pulsante rosso, sovrastato dal cartello “Push to add Drama”. Il video è divertente e rientra decisamente nella categoria del marketing non convenzionale, a metà tra l’offline e l’online.

A cura di Maria Eleonora Pisu

VUOI PUBBLICARE IL TUO LIBRO?

Vuoi pubblicare il tuo libro?

Scopri BRUNO EDITORE, la prima casa editrice al mondo per pubblicare un libro e diventare Bestseller Amazon.

>> INIZIA ORA

photo

Giacomo Bruno

Ingegnere elettronico, è stato nominato dalla stampa “il papà degli ebook” per aver portato gli ebook in Italia nel 2002, 9 anni prima di Amazon e degli altri editori. E’ Autore di 26 bestseller sulla crescita personale e con la sua casa editrice Bruno Editore ha pubblicato 600 libri sui temi dello sviluppo personale e professionale. E’ considerato il più noto “book influencer” italiano perché ogni libro da lui promosso o pubblicato diventa in poche ore Bestseller n.1 su Amazon. La sua newsletter viene seguita ogni giorno da oltre 150.000 affezionati lettori. Il suo Blog e i suoi canali social sono seguiti da oltre 1.000.000 di follower. Il suo lavoro è seguito dalla Radio, dalla Stampa e dalle TV nazionali.

Potrebbero interessarti anche questi: