Come creare una vetrina che riesca a emozionare il cliente

Laura Tentolini & Alessandro MuscinelliPrima di entrare in negozio chiunque si trovi a passarvi davanti guarda la vetrina. La vetrina è la prima cosa che vede il cliente, è il primo elemento che attira la sua attenzione, che cattura il suo interesse, che può spingerlo a entrare.

La vetrina è la presentazione di tutta l’attività commerciale, è il primo “colpo d’occhio” che fa dire al cliente “Sì, questi articoli mi interessano!”, è il richiamo che attira gente in negozio! Avere una bella vetrina significa suscitare subito l’interessare della clientela, incuriosirla, attrarla oltre la soglia d’ingresso.

Gli articoli esposti non sono semplici oggetti inanimati, abbandonati in vetrina per caso, al contrario, tutti gli articoli devono apparire al loro meglio, devono essere presentati in un contesto da sogno, devono risultare fantastici.

Facciamo in modo che gli oggetti in vetrina raccontino una storia, accostiamoli ad altri articoli in tema che ne suggeriscano un utilizzo accattivante: devono essere tanto belli e attraenti che il cliente desideri portarli via con sé.

Come fare in pratica:

Esempio: non lasciamo in vetrina una camicia elegante da sola, ma abbiniamola ad accessori raffinati, come un paio di gemelli, una sciarpa di seta, una flute di champagne, un programma teatrale su una sedia antica, per suggerire l’idea di una serata speciale in un ambiente di classe.

Oppure: se vendiamo frullatori, non dovono essere allineati come soldatini tutti uguali, ma cerchiamo di ambientarli, presentiamoli ad esempio con uova, zucchero, farina, alcuni stampi per dolci, in modo da far venire una gran voglia di cucinare una bella torta.

Ancora: se vendiamo stivali di gomma da pescatore, oltre alle solite canne da pesca, mettiamo in vetrina anche un bel cestino portavivande, una sdraio, una radiolina portatile, un ombrellone. In questo modo proponiamo al cliente una giornata di pesca sportiva con tutte le comodità… magari può portare anche la moglie!

La nostra vetrina deve far sognare il cliente e proporre di migliorare la sua vita. Non basta esporre gli oggetti da vendere, la vetrina deve anche suggerire come usarli. L’esposizione all’esterno deve attirare il cliente in negozio con la prospettiva di uscirne migliorato, con tanti acquisti che porteranno una ventata di aria nuova alla sua vita. L’obiettivo è stimolare la fantasia dell’osservatore su “cose da sogno” cui prima non aveva pensato.

In altre parole, la vetrina deve mostrare tutto un mondo attraverso gli articoli proposti. Se la vetrina riesce a catturare l’attenzione della clientela, allora anche la clientela sarà “catturata”!

A cura di Alessandro Muscinelli e Laura Tentolini
Autore di Dalla Vetrina al Magazzino




Acquista
Da Dipendente a ProfessionistaAggiungilo al carrello e scaricalo in 60 secondi!
Dalla Decisione alle Dimissioni Tutti i Passi verso il Lavoro Autonomo





Lascia il tuo commento

commenti

9 risposte a Come creare una vetrina che riesca a emozionare il cliente

  • L’arte del mechandising è una parte essenziale del marketing.
    Rilevante sia l’esposizione in vetrina, che all’interno del punto commerciale.

    Non collocare a caso i prodotti, ma quasi nell’ambito di un contesto narrativo, migliora senz’altro le possibilità commerciali del punto vendita.

  • Fabio Melis scrive:

    Salve trovo molto interessante i vostri consigli……..
    La mia attivita’ e’ uno studio fotografico che si occupa prevalentemente di fotografia di matrimonio moda book e in determinati periodi vendita di fotogadget……
    potete darmi qualche consiglio per avere una vetrina ad’alto impatto visivo????
    vi ringrazio del tempo messo ha mia disposizione!!!!
    Cordiali saluti
    Fabio Melis “Fotografo”

  • annalisa usai scrive:

    molto interessante,io ho un negozio di calzature aperto da circa una settimana ,quindi potete immaginare quanto ho bisogno di consigli vi ringrazio e aspetto la vostra risposta grazie mille cordiali saluti

  • Massimo D'Amico scrive:

    Ciao Alessandro.
    Articolo interessante, sicuramente la vetrina di un negozio è molto importante per catturare a primo impatto il potenziale cliente.

    Il fatto è che i negozianti/titolari lasciano scappare via le persone che non comprano, cioe’ potenziali clienti futuri ma che per adesso non hanno acquistato. Questo è un grosso errore…

    Diversamente, dando loro un coupon sconto oppure invitandoli a lasciare l’email (è un esempio) diventera’ piu’ facile ricontattarli ed ottenere vendite. E’ disponibile un nuovo speciale servizio di pubblicità localizzata per ottenere clienti in zona, l’indirizzo del sito internet è … M-E-M-O.info

  • paola damiano scrive:

    salve,io sto x aprire un negozio da bambini di griffe,siccome e’ la prima volta che mi catapulto in questo mondo,visto che ho dei negozi di abbigliamento moto,vorrei qualche consiglio a riguardo,sopratutto su come fare una vetrina di impatto che attiri chiunque passi davanti al mio negozio .vi prego aiutatemi ne ho davvero bisogno grazie e ciaooooo

  • Massimo DAmico scrive:

    Ciao!
    Come ho sottolineato non è solo importante catturare il potenziale cliente, ma soprattutto assicurarsi tutti i “metodi possibili” per farlo ritornare! ;)

  • Anna scrive:

    Per favore qualche idea per vetrine natalizie in una farmacia dove è appena nato anche il centro estetico.Come la allestisco?

  • Anna scrive:

    Condivido pienamente.

  • Gianluca scrive:

    Buon giorno a tutti,
    vorrei invitare gli addetti ai lavori e/o gli aventi necessità a visionare questa nuova linea di prodotti modulari (come un Lego)
    visibili qui: http://llsolutions.it/product/stand-modulari-easystand/crosswire-stand-fiere/ adatti a creare innumerevoli format per esporre qualsiasi genere di merce. Mi auguro di avervi dato una informazione utile, per un prodotto ancora poco conosciuto. Un saluto. Gianluca

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Leggi anche questi










Categorie

Archivio articoli