Archivi Annuali: 2008

Foto Iniziale

Opzioni contro Azioni: leva maggiore e minori rischi

Salve cari lettori, oggi vorrei parlarvi delle grandi potenzialità di profitto e di leva finanziaria delle opzioni. Prima di iniziare voglio dirvi che questo articolo interessa tutti, ma in particolar modo i principianti che si affacciano, o si sono affacciati da poco, in un mondo complesso ma straordinario: il mercato finanziario.

Inserito da
Foto Iniziale

Corsi di autodifesa: alcune riflessioni

Alcuni recenti articoli e annunci pubblicati sui giornali o su siti internet:
Milano: Istituto Superiore Galvani: 50 studentesse sostituiscono le lezioni di Educazione Fisica con lezioni di Difesa Personale…(ne parla Canale 5, il Corriere della Sera e “Grazia”);
Milano: il comune organizza dei corsi di Difesa Personale Femminile denominati “Cintura rosa” (portale del Comune di Milano)
Venezia: il Centro Antiviolenza del comune istituisce un corso per donne con “prove pratiche” utilizzando tecniche Krav Maga (sito del Comune di Venezia);
Legnago (VR): “Quasi 50 donne iscritte ai corsi di autodifesa” gratuiti organizzati dal Comune in collaborazione con una palestra locale di Judo e Ju Jiutsu (dal giornale quotidiano L’Arena)
Verona: la Circoscrizione n.7 organizza un corso antiaggressione riservato alle donne (5 lezioni con istruttori Krav Maga) (portale del Comune di Verona e brochure distribuita ai cittadini);
Roma: presso la palestra Laurentinokkupato/L38squat corsi di autodifesa per sole donne autogestito (disponibile anche un opuscolo gratuito che riassume il programma e le attività);
Lodi: Medici e infermieri a scuola di difesa” organizzato e voluto dalla Direzione Generale dell’Ospedale (articolo su Gente del 20 ottobre)
Cremona: “..dopo Lodi anche i sanitari di Cremona imparano tecniche antiaggressione..”, con tecniche di Judo e Aikido (articolo su Gente)….

Inserito da
Foto Iniziale

Economia e Ottimismo

Da qualche mese assistiamo ad una notevole dose di notizie di stampo negativo sulla incombente ondata recessiva in arrivo e sui conseguenti negativi effetti su borse, finanze, economia e famiglia. Tanto più che queste notizie vengono spesso amplificate ed hanno la loro origine nelle più autorevoli fonti Massmediali.
Vorrei a questo punto fare qualche doverosa considerazione :
L’amplificazione continua dei messaggi negativi ha un effetto deprimente e dannoso in ogni tipo di economia di scala, ivi compresa la già debole economia dei nuclei familiari.
La ridondanza di tali messaggi, inoltre, ci impedisce di affrontare adeguatamente, e con i giusti mezzi le difficolta che sopraggiungeranno.

Se i messaggi che ci arrivano dai media sono impregnati di sfiducia, di sconforto, così come avviene da un po’ di tempo a questa parte, come reagiranno tutti gli “attori” del mercato economico mondiale? E le famiglie, le persone?

Reagiranno con sfiducia e paura, paura di un futuro incerto che creerà solo incertezza e preoccupazione. Allora è necessario, a mio avviso, propagare messaggi positivi ed un poco più ottimistici per influenzare in modo più reattivo il nostro subconscio, e le conseguenti scelte che faremo tutti nei prossimi tempi.
Tutti quanti ci chiediamo: che fare?
Io non ho la ricetta risolutiva in tasca, ma certamente la nostra società di fronte a tanta sfiducia, come ho appena detto, ha bisogno di una sana iniezione di Ottimismo, di fiducia e di crescente speranza, al fine di creare nelle persone in questo come in altri argomenti quello stile esplicativo (ossia Il modo con cui, ciascuno  di noi spiega a se stesso perchè accadono gli eventi) che è alla base di della nascita di una visione ottimistica o pessimistica nelle persone, di fronte alle avversità!
Come infatti  ci insegnano i più gradi studiosi della Psicologia Positiva, se siamo intrisi di messaggi negativi, svilupperemo uno stile esplicativo pessimistico, se prevarranno invece i messaggi di natura positiva ed ottimistica, svilupperemo invece uno stile esplicativo ottimistico. E l’ottimista si rialza agevolmente da sconfitte e avversità. Se quanto detto vale per le persone, vale anche per le società e l’economia.
Va anche detto che L’ottimismo è un’arte che i può apprendere mediante appropriate e collaudate tecniche e metodologie scientifiche.
Dobbiamo prestare attenzione ai messaggi che ci arrivano, essi infatti condizioneranno le nostre scelte e il nostro modo di agire.
I grandi maestri del passato hanno infatti ammonito: “Attento, come pensi diventi”. Da buon Ottimista quale sono, mi sento di affermare  che molti degli effetti che vedremo tra qualche anno saranno il conseguente risvolto dei messaggi che abbiamo ricevuto e stiamo ricevendo.
Se continuranno a prevalere messaggi di sfiducia, otterremo come risultati visioni di vita ed economia contraddistinti solo da carenza, povertà, insufficienza. Se viceversa verranno a prevalere messaggi di tipo ottimistico, al momento della ripresa, scopriremo effetti di ripresa, crescita e abbondanza.
Non sono  un esperto di economia, ma tuttavia concordo sul fatto che anche l’assetto economico attuale mondiale dovrà essere rivisto, che servono regole nuove, un nuova etica.
Ma servono anche messaggi  positivi e incoraggianti che ci permettano, una volta superata questa onda lunga di recessione, di aver limitato i danni e di aver contribuito a far ripartire i nostri mercati e l’economia con maggior vigore e rinnovato coraggio.
A Cura di Giovanni Raimondi,
Autore di “Il Potere dell’Ottimismo”
Inserito da